ROMA (ITALPRESS) – Gioia e soddisfazione per aver evitato le possibili sanzioni del Cio. Questo il sentimento espresso all’Italpress dai dirigenti sportivi italiani dopo l’approvazione del decreto legge che garantisce l’autonomia al Coni. “Devo dare atto al presidente Malagò di una grande abilita diplomatica e politica – ha dichiarato Mario Pescante – Questo decreto è arrivato in zona Cesarini quando stavamo perdendo tutte le speranze: il pericolo è stato allontanato”. “Sono molto felice – ha ammesso Franco Carraro – perchè gli atleti, i tifosi e la storia dello sport italiano non meritavano una sanzione”. “Sarebbe stato inaccettabile esporre il nostro Paese a una sanzione Cio – ha sottolineato il presidente del Comitato italiano paralimpico, Luca Pancalli – Si tratta di una buona notizia per tutto il movimento sportivo italiano”. Per il presidente della Figc Gabriele Gravina l’aver sancito “il principio di autonomia del Coni come confederazione delle singole Federazioni è un risultato di grande valore per lo sport italiano”, mentre il numero uno degli sport equestri Marco Di Paola ha rimarcato “la grande determinazione di Malagò che ha difeso a spada tratta l’indipendenza e l’integrità del mondo dello sport”. “Abbiamo salvato la nostra bandiera – ha dichiarato il presidente dello sci nautico Luciano Serafica – potremo andare ai Giochi di Tokyo con la nostra tradizione evitando una situazione drammatica”. “Si è salvata la storia e il futuro di uno dei Comitati olimpici più importanti al mondo”, ha osservato il presidente del taekwondo Angelo Cito, al quale si è unito il numero uno della Fitarco Mario Scarzella manifestando “soddisfazione e felicità”. “E’ stata trovata una soluzione tampone per evitare la spada di Damocle del Cio – le parole del presidente della Fipsas Matteoli – Ora va affrontato il problema della governance”. Per il presidente della Federvela Francesco Ettorre si tratta di “una giornata importante per lo sport
italiano, grazie all’opera incessante del Presidente Giovanni
Malagò che ha sempre creduto nell’unità e nella centralità del
Coni per il mondo sportivo”. Il presidente della Federnuoto Paolo Barelli invita a guardare avanti:”La bolla di sapone si è rotta anche se un pò in ritardo, ma i problemi dello sport italiano sono altri: gli impianti sportivi stanno chiudendo, le società stanno morendo e gli atleti, in particolare i nuotatori, non sapranno più dove fare attività. E anche i cittadini non stanno facendo più sport”.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti