TAORMINA – L’aggiornamento del 15 gennaio 2020 ha confermato che la Città di Taormina ha superato il pericolo di un’impennata di contagi da Coronavirus nelle festività. Lo scenario che si è concretizzato in tante altre località italiane e nel resto della Sicilia, con un pesante incremento dei casi di positività nel periodo tra Natale e Capodanno, non si è verificato invece a Taormina.

Alla data dell’8 gennaio scorso i nuovi positivi erano 2 e il totale dei contagiati a Taormina era di 9 persone, adesso alla data del 15 gennaio 2021 i nuovi casi sono 5 e sono anche il totale dei cittadini positivi al momento a Taormina. Si deve tenere conto di qualche altro caso, sin qui segnalato dai cittadini stessi (ma non dall’Asp) al sindaco, ma c’è la conferma che tra il totale dei casi Covid conteggiati in base alle comunicazioni Asp e le ulteriori segnalazioni di residenti positivi non c’è ad oggi una differenza sostanziale. Nelle recenti festività, dunque, al netto di tutte le chiusure e dei divieti,

L’inverno resta lungo e la battaglia da combattere contro il nemico invisibile non consente un millimetro di spazio per abbassare la guardia. C’è da lottare ancora senza tregua e senza rilassamenti, sempre con le mascherine e il distanziamento, ma si consolida la speranza di potercela fare almeno per quanto riguarda il contenimento dei contagi. Poi è evidente che la crisi che morde e avanza è quella, sin qui inarrestabile, delle attività economiche ridotte al fatturato zero (non solo qui ma ovunque), ma lì è lo Stato che deve dare risposte concrete e al più presto. Per il resto, i cittadini la loro parte la stanno facendo per la quasi totalità in modo esemplare e – numeri alla mano – si stanno difendendo nel miglior modo possibile dall’assalto del virus. Ora questo sacrificio e questa resistenza non devono essere frustrati e vanificati dall’indifferenza della politica nazionale e regionale. Taormina chiama, ora lo Stato risponda.

© Riproduzione Riservata

Commenti