GIARDINI NAXOS – I cittadini di Giardini Naxos hanno scelto di sostenere con la Democrazia partecipata la scuola e far realizzare sul territorio comunale, nell’ambito della procedura indetta dall’Amministrazione, un progetto per l’Inclusione sociale per gli alunni disabili nelle scuole. Si tratta di una scelta registratasi a larga maggioranza dalla comunità giardinese.

Entro il termine assegnato sono pervenute complessivamente le preferenze per le cinque iniziative sulle quali si poteva esprimere il proprio gradimento e così distinte: Inclusione sociale per gli alunni disabili nelle scuole 237 preferenze; acquisto di arredi e sistemazione locali della biblioteca comunale 3 preferenze; lavori di adeguamento dei locali del centro anziani 2 preferenze; istituzione di un centro sociale per giovani 103 preferenze; adeguamento informatico delle sedi centrali e delle sedi periferiche del Comune di Giardini 2 preferenze; schede escluse per errori materiali sono state 36, schede escluse perché arrivate fuori termine invece 10. Il tutto per un totale di 393 schede.

“Anche per l’annualità 2020 appena trascorsa – afferma il dirigente dell’Istituto Comprensivo di Giardini, William D’Arrigo – la nostra scuola si è aggiudicata il finanziamento di Euro 17.476 euro per il progetto Democrazia Partecipata bandito dal Comune di Giardini Naxos, “Inclusione sociale per gli alunni disabili nelle scuole”. Sarà questo il capitolo su cui investiremo questo finanziamento, al fine di migliorare sempre più l’inclusione all’interno della nostra scuola. Voglio ringraziare tutti coloro i quali collaborano per permettere alla scuola di crescere perché, laddove una scuola ha le risorse per potersi sviluppare, offre un contributo straordinario ad un intero territorio”.

La scelta della cittadinanza è ricaduta ampiamente sulla proposta progettuale per l’inclusione sociale degli alunni disabili nei plessi scolastici del territorio e l’Amministrazione del sindaco Giorgio Stracuzzi ora si attiverà in questa direzione, destinando a questo progetto l’importo di 17 mila 476 euro ed operando per l’attuazione del progetto d’intesa con la dirigenza scolastica dell’Istituto comprensivo. La casa municipale, a questo punto, avvierà in tempi stretti l’iter attraverso i relativi adempimenti burocratici, dando esecuzione a quanto previsto nella legge regionale n.5 del 28 gennaio 2014 e conseguenti modifiche della L.R. n. 9/2015, dove si stabilisce che almeno il 2% dei trasferimenti correnti regionali debba essere speso dagli enti locali con forme di democrazia partecipata.

© Riproduzione Riservata

Commenti