Iniziano in queste ore anche le consegne del vaccino di Moderna contro il COVID-19 agli Stati membri dell’Unione Europea, e tra questi anche l’Italia. Saranno gestite dalla società Kuehne+Nagel e partiranno dai suoi hub centralizzati in Europa.

“Si tratta di un traguardo davvero emozionante, e siamo orgogliosi del ruolo che il vaccino di Moderna svolgerà nell’affrontare questa pandemia in Europa. La distribuzione nell’Unione Europea è una delle più grandi imprese logistiche che Moderna abbia affrontato da quando è nata dieci anni fa. Provo grande ammirazione per il team dedicato che ci ha portato qui, e sono grato a tutti i partner, i fornitori e la Commissione Europea per il loro aiuto e il loro supporto lungo il percorso”, afferma Dan Staner, vice Presidente e direttore della regione EMEA per Moderna.

A partire da questo momento, già tra l’11 gennaio e il 12 gennaio, è previsto l’arrivo in Italia delle prime 47mila dosi. Nella settimana dal 25 gennaio è prevista la consegna di altre 66mila dosi del farmaco contro il coronavirus, per arrivare a 113mila entro fine mese. L’Italia, nel complesso, ha prenotato dall’azienda statunitense 10 milioni 768mila dosi. Poi ci sono quelle Pfizer, con l’Ue che ha raddoppiato il suo ordine

© Riproduzione Riservata

Commenti