Italo Mennella, presidente dell'Ente Bilaterale Regionale per il Turismo Siciliano

L’Ente Bilaterale Regionale per il Turismo Siciliano va in aiuto dei lavoratori e delle imprese del turismo. Un’importante opportunità di sostegno riguarderà gli operatori del settore in relazione all’emergenza Covid19.

Le parti sociali dell’EBRTS hanno sottoscritto un accordo regionale che prevede delle misure a sostegno delle maestranze e anche delle aziende che operano nel comparto dell’ospitalità e da ormai un anno stanno lottando con la grave crisi in atto.

“Comprendiamo la situazione di sofferenza in atto in tutto il territorio siciliano per le imprese e per i lavoratori – spiegano il presidente Italo Mennella e il vicepresidente Pancrazio Di Leo – e nell’augurarci una pronta e immediata ripresa di tutta la filiera del turismo, tutte le componente dell’EBRTS si sono impegnate per fare in termini concreti ed incisivi la propria parte, si intende così dimostrare la nostra vicinanza agli operatori del settore”.

L’intesa – nell’ambito della quale le parti si sono impegnate a presentare all’EBNT la relativa istanza di co-finanziamento per due delle tipologie di interventi co-finanziati – è stata sottoscritta da: EBRTS, FILCAMS – CGIL, FISASCAT – CISL, UILTuCS UIL, URAS FEDERALBERGHI SICILIA, FIPE SICILIA, FIAVET SICILIA, FAITA SICILIA.

Le parti hanno inteso prevedere un fondo straordinario di 612 mila 934 euro per un Bonus una tantum Covid19, così ripartito: un contributo di solidarietà per sostegno ai lavoratori per un valore complessivo di 150 mila euro ed un Bonus una tantum Covid19 per il sostegno ai lavoratori stagionali per un valore complessivo di 462 mila 934 euro.

Il bonus da 150 mila euro per i lavoratori è destinato ai lavoratori dipendenti delle aziende aderenti a EBRTS (non multi-localizzate) in regola con i versamenti della contribuzione prevista almeno dal 2018 ad oggi, che si siano trovati nelle condizioni di cassa integrazione Guadagni in deroga (CIGS) o in Fondo di Integrazione Salariale (FIS) a causa del Covid19: alberghi e strutture ricettive, pubblici esercizi, agenzie di viaggio e stabilimenti balneari e che non siano già beneficiari di altri contributi da parte dell’EBRTS causa Covid19.

Il bonus da 462 mila 934 euro è destinato ai lavoratori dipendenti delle aziende aderenti a EBRTS (non multi-localizzate) in regola con i versamenti della contribuzione prevista almeno dal 2018 ad oggi, compreso anche coloro che nel 2020 non siano stati richiamati per la stagione e/o abbiano lavorato in strutture aderenti all’EBRTS; si tratta di operatori che hanno lavorato nelle medesime strutture che anche in questo caso non siano già beneficiari di altro contributo dell’ente per causa Covid19. Le richieste dovranno pervenire entro e non oltre il 30 marzo 2021 e verranno approvate in ordine cronologico fino ad esaurimento del fondo.

© Riproduzione Riservata

Commenti