Per la prima (e si spera ultima) volta, a causa dell’emergenza Coronavirus, in Italia sarà un Capodanno all’insegna di divieti, restrizioni e coprifuoco. Per contrastare la diffusione del virus, il 31 dicembre 2020, e poi nei giorni 1, 2 e 3 gennaio 2021, tutta Italia sarà in fascia rossa per poi tornare arancione il 4 e di nuovo rossa il 5 e 6 gennaio. Le restrizioni decise dal governo Conte con il Decreto di Natale resteranno valide fino al 6 gennaio 2021. Dopo quella data le Regioni italiane torneranno gialle o ancora arancioni e rosse in base alla curva epidemiologica.

La notte di Capodanno il coprifuoco comincia inizierà alle ore 22 per terminare due ore dopo la norma di questi mesi, ossia alle 7 del mattino. Bisognerà brindare in famiglia o con un numero ristrettissimo di parenti o amici.

Anche per l’ultimo giorno dell’anno è infatti possibile andare a trovare amici o parenti in massimo 2 persone (al netto dei minori di 14 anni e delle persone disabili o non autosufficienti), una sola volta al giorno dalle ore 5 alle ore 22. Ci si potrà anche fermare a dormire.

Per i festeggiamenti di Capodanno non è però possibile spostarsi tra una Regione e un’altra e nemmeno tra un Comune e un altro se non per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute o necessità con obbligo di autocertificazione (clicca qui per scaricarla).

Il 31 dicembre non sarà possibile raggiungere le seconde case se situate fuori Regione e nemmeno effettuare degli acquisti: i negozi e i centri commerciali resteranno chiusi, così come i bar, i ristoranti e le pizzerie. L’asporto, però, sarà possibile fino alle ore 22.

Vietati anche i veglioni negli hotel: il servizio sarà possibile solo in camera dalle ore 18:00 del 31 dicembre fino alle ore 7:00 del 1 gennaio; il 31 si potrà svolgere attività motoria nei dintorni della propria abitazione e attività sportiva non necessariamente nei dintorni purché in forma individuale. Tra le attività sportive rientra anche lo jogging.

Si potrà sempre svolgere attività di volontariato o rientrare presso la propria residenza o domicilio. Anche andare a Messa è concesso nel rispetto degli orari di coprifuoco.

Durante il coprifuoco di Capodanno saranno sempre consentiti gli spostamenti dettati da motivi di lavoro, salute o necessità e con autocertificazione. Per i trasgressori sono previste multe da 400 euro fino a 1.000 euro.

In definitiva, ecco cosa si potrà fare:

– Spostarsi all’interno della mia Regione per andare a visitare parenti o amici dalle ore 5 alle ore 22 rispettando il numero massimo di 2 persone al netto degli under 14
– Rientrare nella mia residenza o domicilio
– Svolgere attività di volontariato
– Andare a fare la spesa al supermercato
– Fare una passeggiata o svolgere attività sportiva nei dintorni della mia abitazione e in forma individuale
– Comprare cibo o bevande da asporto (fino alle ore 22) in ristoranti o pizzerie

© Riproduzione Riservata

Commenti