GIARDINI NAXOS – Schiarita in arrivo sul futuro del PalaNaxos. Dopo tanti anni di impasse e di ipotesi e dichiarazioni d’intenti che puntualmente non sono mai approdate ad un punto di svolta, la nuova Amministrazione ha deciso di rompere subito gli indugi sul destino di questa struttura e ha avviato l’iter per il recupero del bene. Il vicesindaco Giuseppe Cacciola ha effettuato nelle scorse ore un sopralluogo all’interno dell’immobile, ormai in disuso da tempo, per accertare le condizioni del sito e pianificare la strategia della casa municipale. L’Amministrazione guidata dal sindaco Giorgio Stracuzzi ha deciso, intanto, di non dismettere l’immobile, archiviando sul nascere la prospettiva che era emersa invece nella passata consiliatura.

“Il recupero del PalaNaxos – ha detto Cacciola – è una sfida che vogliamo affrontare con impegno e determinazione, consapevoli che il Comune in questo momento non ha le risorse per sostenere con il proprio bilancio alla ristrutturazione della struttura, ma altrettanto certi che una soluzione la si possa e si debba trovare per rifunzionalizzare un bene che può aiutare il rilancio del turismo e dell’economia del territorio”.

“D’intesa con il sindaco stiamo valutando tutte le problematiche in essere e il modo di risolverle – continua Cacciola – ma la premessa è che il PalaNaxos è un gioiello da rilanciare. L’idea è quella di dare il palazzo in gestione, affidandola ad un privato che abbia una comprovata esperienza nel settore fieristico e degli eventi. Serviranno interventi consistenti, di cui come detto il Comune non può farsi carico, perciò intendiamo muoverci nella direzione di una manifestazione ad evidenza pubblica o un project financing.

il sopralluogo di Cacciola

“Il PalaNaxos può rinascere se a gestirlo sarà un privato che abbia la volontà di concreta di metterlo al centro delle sue progettualità e che sia disponibile a farsi carico delle spese da affrontare per renderlo di nuovo funzionale”. L’ente locale, ad ogni modo, intende “blindare” l’iter. “Metteremo dei paletti a garanzia del Comune e della comunità di Giardini”, sottolinea il vicesindaco.

Gli interventi da effettuare necessiteranno di un impegno pari ad almeno 300 mila euro. Occorrerà sistemare l’impianto elettrico e di riscaldamento, le parti esterne, la pavimentazione, rifare i servizi igienici ed apportare una serie di manutenzioni, correttivi e migliorie all’interno.

“C’è un’area interna di 4500 mq che può davvero rappresentare un valore aggiunto per il nostro territorio, tanto più in un momento in cui si dovrà lottare con grande energia nel dopo-emergenza per far ripartire l’economia locale”, rimarca Cacciola, che lancia un importante segnale di ottimismo: “Il PalaNaxos potrebbe tornare disponibile nell’arco di un periodo non lunghissimo, necessita di 6 mesi di lavori. Faremo tutto il possibile per restituirlo ai cittadini di Giardini”.

© Riproduzione Riservata

Commenti