TAORMINA – “A che punto sono i lavori della scuola elementare Vittorino da Feltre? I lavori stanno andando avanti o sono fermi? Il cantiere sta, comunque, procedendo a rilento?”. A porre l’interrogativo al Comune sono le famiglie degli studenti taorminesi, ed in particolare della scuola dell’infanzia, che ha sede presso questo stesso edificio e per i quali si è reso necessario al momento il trasferimento nella sede provvisoria in un hotel di Via Bagnoli Croce che dovrebbe protrarsi ancora per qualche mese.

L’aspettativa, insomma, è che possano arrivare quanto prima aggiornamenti e chiarimenti da parte dell’Amministrazione sullo stato delle opere. Al momento, com’è noto le opere avviate dalla ditta incaricata e scattate dopo il lockdown hanno portato allo spostamento in altri locali dei bambini per via dei lavori che stanno riguardando la ristrutturazione delle elementari inagibili ormai dal 2004. Rumori e polvere hanno portato ad una soluzione tampone che dovrebbe portarsi ancora per qualche mese.

La prospettiva che si è delineata è quella di una permanenza almeno a sino a marzo della scuola dell’infanzia in hotel e, di conseguenza, è in quel periodo che dovrebbe concludersi questa attuale fase, ritenuta la più “invasiva” del piano di ristrutturazione della “Vittorino da Feltre”. Le famiglie, tuttavia, non fanno mistero della preoccupazione per lo stato di avanzamento delle opere alle elementari e auspicano si possa fare chiarezza in particolare se vi siano state problematiche che hanno rallentato lo svolgimento dei lavori.

La Giunta, nel frattempo, sta anche portando avanti l’iter per il progetto di ristrutturazione e manutenzione straordinaria dell’ala ovest della Vittorino da Feltre per Un milione e 770 mila euro, nel tentativo di intercettare anche un secondo finanziamento per il plesso dove sono già in corso le opere nella parte sud del complesso con i predetti lavori finanziati nel 2018 dalla Regione Siciliana con Un milione e 700 mila euro. Su questo ulteriori progetto di ristrutturazione di un’altra parte del plesso per l’ala ovest ora, con le attività preparatorie degli uffici e anche attraverso nuovi contatti previsti a breve con la Regione, si sta cercando di attingere alle risorse comunitarie disponibili in vista dei relativi bandi regionali.

© Riproduzione Riservata

Commenti