GIARDINI NAXOS – E’ il Comune di Giardini Naxos ad avere al momento la maggiore esposizione verso il Consorzio Rete Fognante per le quote non versate all’ente comprensoriale che si occupa della depurazione delle acque per le quattro municipalità del primo polo turistico siciliano. Giardini, al momento, risulta dover infatti versare al Consorzio la somma di Un milione 968 mila euro, poi c’è Castelmola che dovrebbe versare al Consorzio 669 mila euro.

L’ente di contrada Pietre Nere vanta poi 571 mila euro dal Comune di Taormina, mentre il debito minore al momento è quello del Comune di Letojanni che ammonta soltanto a 290 mila euro. Questa la stima aggiornata, nel dettaglio, del quantum che i quattro comuni al momento devono versare al Consorzio per una somma complessiva che ha raggiunto i 3 milioni e 500 mila euro.

Al tramonto del 2020, il timore è che questa esposizione dei quattro comuni possa rimanere tale ancora per diverso tempo, o magari consolidarsi, viste le gravi difficoltà determinate nel forziere dei rispettivi comuni dall’emergenza sanitaria che si è tramutata in un’emergenza economica e ha privato i bilanci locali di importanti risorse, con un gettito minore sulle entrate per i tributi o come nel caso di Taormina ha visto svanire, ad esempio, il “tesoretto” annuale della tassa di soggiorno che nel 2019 valeva 3 milioni e 400 mila euro e quest’anno è stato praticamente azzerato.

Al 24 novembre scorso è questa la situazione e, in un modo o nell’altro, ci sarà la necessità che i comuni possano garantire comunque delle somme essenziali alla Rete Fognante per andare avanti e per mantenere nella condizione di funzionalità gli impianti per la depurazione comprensoriale delle acque. Ciò sia nell’immediato sia poi in vista della prossima stagione turistica, quando la speranza di tutti è che si possa iniziare a tornare alla normalità dopo la pandemia e quando, in ogni caso, le spiagge poi vedono l’afflusso di tanta gente ed è indispensabile assicurare una depurazione ottimale sia attraverso gli impianti di contrada Pietre Nere a Giardini Naxos sia con quelli di contrada San Filippo a Letojanni.

© Riproduzione Riservata

Commenti