TAORMINA – Il direttore generale dell’Asp di Messina Paolo La Paglia, accompagnato dal nuovo direttore sanitario dell’azienda, Dino Alagna si è recato nella mattinata odierna all’Ospedale di Taormina per verificare la piena funzionalità dei quattro posti di terapia intensiva già dedicati alla terapia antalgica, da utilizzare come posti letto aggiuntivi di Terapia intensiva per malati Covid. Al sopralluogo erano presenti il direttore del dipartimento Cure Ospedaliere Paolo Cardia, il direttore della U.O.C. Professioni Sanitarie Carmelo Spina e il direttore della U.O.C. di Anestesia e Rianimazione Giacomo Filoni.

“Insieme al direttore sanitario Alagna – spiega La Paglia – abbiamo voluto verificare che tutto fosse pronto per assistere in terapia intensiva, in caso di necessità, malati Covid anche a Taormina; l’assessore della Salute, Ruggero Razza, per fronteggiare la pandemia ha disposto l’aumento ulteriore di circa 200 posti letto di Terapia intensiva in tutta la Sicilia, che per l’Asp di Messina sono stati individuati all’Ospedale San Vincenzo”. Nel presidio taorminese, come detto, si è deciso di destinare all’emergenza 4 posti letto aggiuntivi.

Durante il sopralluogo sono stati anche visitati i nuovi locali della U.O.S.D. Breast Unit, diretta da Luisa Puzzo, all’interno di una ala in precedenza totalmente occupata da Ostetricia e Ginecologia; la nuova allocazione permette già di offrire un maggior confort alberghiero alle donne che devono ricorrere alla chirurgia senologica di eccellenza erogata a Taormina.

© Riproduzione Riservata

Commenti