ROMA (ITALPRESS) – Un funerale in forma privata e segnato anche dalle direttive anti-Covid. Che però non ha tenuto lontani i fan che per decenni hanno ascoltato e cantato le note dei Pooh. Così è stato accolto il feretro di Stefano D’Orazio, lo storico batterista e paroliere dei Pooh scomparso venerdì sera a 72 anni a causa delle complicanze legate al coronavirus. La salma prima è stata portata in Campidoglio per un omaggio da parte della città, per poi raggiungere la Chiesa degli Artisti in piazza del Popolo a Roma, dove solo pochi giorni fa la Capitale ha salutato Gigi Proietti. Tanti i volti noti presenti. A partire dal collega Roby Facchinetti, che durante le esequie ha letto la preghiera degli artisti. E con lui c’erano tutti gli altri storici membri della band come Dodi Battaglia, Riccardo Fogli e Red Canzian. E anche tanti altri amici e amiche dello spettacolo, come Lorella Cuccarini e Fausto Brizzi.
La commozione e la vicinanza non è mancata neanche da parte della Polizia locale, che sui social ha sottolineato che è “stato un onore scortare il grande musicista Stefano D’Orazio: ci stringiamo con affetto intorno ai suoi cari”. Durante le celebrazioni i presenti accorsi fuori dalla Chiesa hanno intonato le canzoni dei Pooh, soprattutto “Pensiero”, alternandole a lunghi applausi rivolti alla memoria dello storico musicista. (ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti