ROMA (ITALPRESS) – Angelo Cito resta alla guida della Federazione italiana Taekwondo per il secondo mandato consecutivo. Il presidente uscente, in carica dal 2016, ha ricevuto l’82,68% dei voti battendo la concorrenza di Junho Park, figlio dell’ex presidente della Fita Sun Jae, fermatosi al 17,28% delle preferenze. “Siamo riusciti a fare in tre anni maggiori risultati di quanti se ne fanno in quattro – ha dichiarato Cito dopo l’elezione – Riuscire a portare in Italia eventi di stampo internazionale ci ha collocato ai primi posti dello sport e questo è solo merito nostro. Il risultato più prestigioso è la qualificazione di Vito Dell’Aquila e Antonino Bossolo ai Giochi Olimpici di Tokyo. Ma non solo, perchè per la prima volta il parataekwondo è entrato nella storia con la qualificazione dell’Italia per le Paralimpidi giapponesi: è un orgoglio per tutto il movimento. Siamo una Federazione unita e determinata nel raggiungere gli obiettivi: il programma presentato per il prossimo quadriennio è importante e insieme, con impegno e dedizione, riusciremo nuovamente ad avere grandi soddisfazioni”. Durante l’assemblea è intervenuto anche il presidente del Coni Giovanni Malagò: “Sono giornate complicatissime, in un anno che ci ha messo tutti a dura prova – ha sottolineato il numero uno dello sport italiano – La situazione causata dal Covid si unisce alla realtà della riforma dello sport. Rimaniamo convinti che più di una necessità essa rappresenti un diritto e un dovere, ovvero il rispetto sacro dell’autonomia del mondo dello sport”. (ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti