Salvo Cilona, consigliere di opposizione

Lo ha dichiarato il consigliere di opposizione, Salvo Cilona, che così annuncia una nuova presa di posizione dei consiglieri di minoranza per un dibattito in sede di Civico consesso sulla situazione della municipalizzata ed in particolare sulla posizione dell’Amministrazione sulla “patata bollente” del dare-avere con l’azienda, l’atavica problematica irrisolta che può cambiare il destino di Palazzo dei Giurati.

“La questione del dare-avere rischia di diventare un vulnus per le casse comunali – spiega Cilona -. Asm reclama quanto le spetta e non si comprende il perchè dell’immobilismo dell’Amministrazione, se effettivamente intende versare le somme dovute all’azienda e quando lo farà. Non è stata data nessuna risposta al liquidatore e neanche ai lavoratori che hanno sollecitato un incontro. In assenza di chiarezza e di una svolta su quanto sollecitato dall’azienda, si rischia di dover pagare 7 milioni anzichè i 2 milioni e 800 mila euro del verbale sottoscritto dalle parti lo scorso 28 maggio e ciò determinerebbe, a tutti gli effetti, il default del Comune di Taormina. C’è l’occhio vigile della Corte dei Conti ed è chiaro che Asm non potrà attendere ancora a lungo e che il liquidatore sarà costretto a passare dalle “ammonizioni” ai fatti, ad agire cioè per non procurare un danno erariale all’azienda”.

Dai banchi dell’opposizione, inoltre, si ritiene “paradossale che il Comune nello stesso momento proceda alla liquidazione di un acconto per lo scuolabus mentre non versa per altri servizi e non è un discorso semplicemente economico, perchè assistiamo ad una posizione di alcuni uffici che danno il placet all’accredito delle cifre ad Asm mentre altri le bloccano ritenendo che non possano essere corrisposte sino alla sottoscrizione dei contratti di servizi. Delle due l’una, non è possibile che un ente abbia due posizioni differenti da un ufficio all’altro. Si registra una discordanza tra uffici che non si parlano e ci chiediamo l’Amministrazione quali reali intendimenti abbia”.

Infine i bilanci: “Sui bilanci non sappiamo niente e questo ci preoccupa. Devono ancora arrivare in Consiglio l’esercizio 2019 e il bilancio di previsione 2020 del Comune, e attendiamo che si prenda anche una decisione sui bilanci di Asm del periodo 2011-2019, propedeutici alla fuoriuscita dalla liquidazione. L’Amministrazione brancola nel buio, non sa neanche da dover partire per risolvere i problemi finanziari e gestionali dell’ente, che in ogni caso non sono riconducibili alla passata Giunta”.

© Riproduzione Riservata

Commenti