TAORMINA – “La grave crisi economica che ha ormai colpito molti cittadini per effetto della pandemia, ed in particolare la condizione drammatica che interessa numerosi lavoratori stagionali di tutto il comprensorio impongono una soluzione d’emergenza per garantire a tutte queste persone e alle loro famiglie di poter resistere almeno alla fame e sopravvivere, in attesa che lo Stato si svegli e abbia un sussulto di dignità con aiuti veri e degni di essere chiamati tali. Per questo, pur non avendo ricevuto al momento alcuna risposta ad una nostra precedente comunicazione, rinnoveremo la richiesta d’incontro ai sindaci con la proposta di istituire nei comuni delle mense dei poveri, per le persone in difficoltà nei centri abitati di Taormina, Giardini, Letojanni, Castelmola e Sant’Alessio Siculo”. Lo hanno reso noto i responsabili della Fisascat Cisl Messina, Salvatore D’Agostino e Pancrazio Di Leo.

“I lavoratori del turismo, del commercio e dei servizi sono rimasti senza reddito, senza lavoro e senza bonus. Lo Stato li abbandonati, il governo nazionale e quello regionale li hanno dimenticati e umiliati. E’ sconcertante e inumano quello che stanno subendo tutti questi lavoratori. Chiediamo perciò ai comuni di attivare subito una misura emergenziale per garantire un pasto a tutti quei lavoratori che quest’anno non sono stati chiamati in servizio, o che hanno lavorato pochi giorni e/o per qualche settimana. Tutta questa gente ha bisogno di aiuto, non c’è altro tempo da perdere. Bisogna mobilitarsi tutti e allestire delle mense dove consentire alla gente di affrontare questo momento di autentica disperazione con la certezza almeno di poter avere un pasto”.

© Riproduzione Riservata

Commenti