MADRID (SPAGNA) (ITALPRESS) – “Firmare per un pari? Non posso firmare per un risultato ancora prima di giocare. E’ una partita molto importante, abbiamo grande rispetto del Real Madrid ma vogliamo giocarci le nostre carte e che vinca il migliore”. Antonio Conte e la sua Inter sono sbarcati in Spagna senza timori, per quanto la sfida di domani contro i blancos possa diventare decisiva per il cammino in Champions. Zidane non ha esitato a definirla come una finale. “E’ una partita della fase a gironi, importante sia per noi che per il Real, due squadre che ambiscono ad andare avanti – replica Conte – Sappiamo che sarà una partita dura, difficile, contro una squadra attrezzata per vincere questa competizione: lo dimostra la storia, quello che hanno fatto, quello che sono tutt’ora. Noi veniamo però a giocarci la nostra partita, con le nostre armi, cercando di dare seguito alle buone prestazioni che stiamo facendo”. Conte non si sbilancia sull’impiego di Sanchez (“oggi è tornato ad allenarsi per la prima volta”) mentre su Zidane, suo compagno di squadra ai tempi della Juve, racconta: “Io da calciatore ho sempre pensato al dopo, che sarebbe stato fare l’allenatore. Zizou non so, ma è stato un piacere giocare al suo fianco e correre per lui, anche se in allenamento – dove si lavorava tanto – era sempre in prima fila. Come persona, poi, era eccezionale, si è sempre fatto volere bene”. (ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti