TAORMINA – La Fisascat Cisl Messina si rivolge ai sindaci di Taormina, Giardini Naxos, Letojanni, Castelmola e Sant’Alessio Siculo e chiama le Amministrazioni comunali a scendere in campo per fare la propria parte nella battaglia a sostegno dei lavoratori stagionali del turismo, commercio e servizi.

“Abbiamo scritto nei giorni scorsi una lettera ai sindaci di Taormina, Giardini, Letojanni, Castelmola e Sant’Alessio – continua il sindacato – ma i comuni ad oggi non hanno risposto. Abbiamo sollecitato la convocazione di un tavolo urgente affinché pure gli enti locali facciano la loro parte a sostegno dei lavoratori stagionali che stanno vivendo un momento drammatico e rischiano di finire in povertà. Abbiamo chiesto ai sindaci se, in assenza di risorse di risorse da Roma e Palermo, intendono attivare mense per i poveri e dare giornalmente un pasto caldo agli stagionali, per garantire un sostentamento alle loro famiglie. La gente muore di fame, lo Stato e la Regione latitano ma anche i comuni restano alla finestra dando priorità, in questo momento, ai propri bilanci anziché alla tutela dei cittadini”.

“Forse qualcuno non ha ancora compreso che i lavoratori e le famiglie sono senza reddito e saranno costretti a chiedere l’elemosina per poter mangiare e sopravvivere. Se per tutto l’inverno la situazione sarà questa, avremo tanti nuovi poveri a Taormina, nell’intera zona ionica e in tutta la Sicilia. Con questo immobilismo si vogliono costringere i lavoratori ad andare sotto i comuni e umiliarsi ulteriormente per chiedere l’elemosina?”.

© Riproduzione Riservata

Commenti