L’Italia è ad un passo da un altro lockdown. Nella giornata di venerdì 30 ottobre 2020 sono stati comunicati altri 31.084 nuovi casi; 199 i decessi, mentre il numero dei tamponi raggiunge quota 215 mila. E’ stato reso noto durante una conferenza stampa al Ministero della Salute.

Le regioni più a rischio. Nel periodo 8-21 ottobre, l’indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici di coronavirus è pari a 1,70. Lo riferisce l’Istituto superiore di sanità, sottolineando in Italia l’epidemia è in “rapido peggioramento”. Sono undici le Regioni classificate a rischio elevato di una trasmissione non controllata del virus, mentre quattro (Campania, Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte) assieme alla Provincia di Bolzano sono già nello scenario 4.

Covid avanza anche in Sicilia. Sono 984 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia, che porta il totale degli attualmente contagiati a 13.564. Di questi sono 895 i ricoverati in ospedale, di cui 117 in terapia intensiva. La gran parte, ovvero 12.552, si trovano in regime di isolamento domiciliare. Dall’inizio della pandemia, sono stati registrati 20.806 casi complessivi. Brutte notizie sul fronte dei decessi. Sono 12 i morti registrati nell’ultimo giorno, con un complessivo ammontare che sale a 484. Ultimo dato fornito quello dei tamponi: sono 7.293 i test effettuati.

“Situazione molto grave”. Si conferma pertanto una situazione “complessivamente e diffusamente molto grave sul territorio nazionale con rischio di criticità importanti a breve termine in numerose Regioni/PA italiane”. Lo rileva il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute.

Iss: “Tutte le regioni in crescita”. “L’epidemia corre in in tutti i Paesi europei, la Germania in questi giorni adotta misure simili alle nostre”. Lo ha detto il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro nel corso della conferenza stampa sull’andamento epidemiologico dell’emergenza covid-19. “In Italia il numero dei nuovi positivi è cresciuto significativamente nelle ultime settimane. Tutta Italia è coinvolta anche se con scostamenti significativi ma in tutte le regioni i contagi sono in crescita”.

© Riproduzione Riservata

Commenti