TAORMINA – Tramonta anche l’ipotesi del Palazzo dei Congressi nella ricerca di una nuova sede provvisoria per la scuola dell’infanzia di Taormina. Sarebbe stata accantonata, infatti, dal Comune la soluzione temporanea di un trasferimento all’auditorium di piazza Vittorio Emanuele per i 50 bambini che sin qui si trovano nell’unica ala agibile della “Vittorino da Feltre”. Quest’ultima scuola, sede delle elementari, è in fase di ristrutturazione e i lavori rendono incompatibile la permanenza negli stessi locali anche dei bambini della scuola dell’infanzia. Polvere, rumore e invasività del cantiere hanno ormai sancito la necessità di individuare una soluzione alternativa dove trasferire per qualche tempo, almeno per un paio di mesi, i bambini. Per questo era stata valutata a sorpresa la soluzione del Palazzo dei Congressi. Sembrava potesse essere questa la scelta ma anche questo immobile, che ha altre peculiarità, alla fine sarebbe stato bocciato e si guarda di nuovo altrove.

L’immobile dovrà essere oggetto di lavori di completamento del piano per la messa a norma a suo tempo realizzati dall’Aeronautica nel 2017 e il Comune ha ottenuto un finanziamento di 231 mila euro dalla Regione, con il cantiere che dovrebbe scattare nel 2021. Ma, non soltanto per questo aspetto, sarebbe prevalsa la convinzione da parte dell’Amministrazione che non ci sono le condizioni per portare al Palacongressi i bambini. Allo stesso modo erano state escluse altre opportunità come quella di affittare i locali delle Suore Figlie del Divino Zelo, o i locali delle Suore Francescane. E non è praticabile neanche uno spostamento nei locali di Via Don Bosco, che erano sede della Protezione Civile comunale ma che sono ridotti in pessime condizioni e necessitano di approfondite opere di ristrutturazione.

A questo punto si fa spazio la prospettiva che porta all’individuazione di un immobile di un privato: il centro storico è saturo ma sarebbero stati già avviati alcuni contatti con qualche struttura ricettiva e la svolta sembra vicina, probabilmente è una questione di ore. Già ad inizio settimana entrante si attendono importanti sviluppi in tal senso.

Nel frattempo la speranza, in ogni caso, è che la prima fase dei lavori in corso per la ristrutturazione della scuola elementare “Vittorino da Feltre” possano essere ultimati quanto prima, poiché sarebbe questa la parte più invasiva e rumorosa di un cronoprogramma che poi, in seguito, potrebbe anche contemplare il possibile ritorno dei bambini senza che vi siano tutti i disagi attuali. La vicenda viene seguita con attenzione dalla dirigenza scolastica ma anche dalle famiglie, che auspicano si possa arrivare ad una soluzione risolutiva nel più breve tempo possibile.

© Riproduzione Riservata

Commenti