TAORMINA – Svolta a Chianchitta, dove nelle scorse ore è stata avviata la demolizione di una baraccopoli nella frazione che ricade per metà tra il Comune di Taormina e per l’altra nel territorio di Giardini Naxos. Proprio tra i due comuni, ma anche con Anas, il Consorzio Autostrade e l’ex Provincia regionale di Messina era sorto, e si era trascinato sino a questo momento, un rimpallo di competenze circa la problematica riguardante l’esistenza di una baracca e quindi anche di una discarica all’ingresso della frazione di Chianchitta.

A sollevare il problema e ad evidenziare “la situazione di degrado ma anche i rischi sanitari” era stata l’assessore alla Cultura e Servizi Sociali del Comune di Taormina, Francesca Gullotta, che aveva anche ipotizzato la trasmissione di una nota alla Prefettura di Messina in assenza di una soluzione risolutiva. Alla fine c’è stata una convergenza d’intenti tra tutte le parti e così ieri è entrata in azione una ruspa che ha provveduto ad effettuare la demolizione della costruzione.

“E’ importante comprendere che non si trattava di un “capriccio” – spiega l’assessore Gullotta – ma c’era un’esigenza di decoro e una necessità concreta in termini di igiene pubblica che la frazione rivendicava da tempo e che finalmente ha avuto una soluzione risolutiva. Si è trovata una sinergia tra gli enti del territorio e così è stata avviata la demolizione della baracca, dando seguito alle richieste della collettività”.

“Se le cose non vanno bene – ha aggiunto l’assessore – non si deve rimanere nell’indifferenza e nell’indolenza. Questo è un esempio certamente eloquente ed è anche un monito. I cittadini devono impegnarsi a tenere gli spazi pubblici puliti e a chiedere interventi alle Pubbliche amministrazioni, per garantire che le aree urbane ed extra-urbane vengano tenute in condizioni decorose. Non si poteva più consentire che all’ingresso di Chianchitta vi fosse una situazione del genere, con una baracca che era ormai ricettacolo di germi, e attorno tutto quel materiale e rifiuti vari”.

© Riproduzione Riservata

Commenti