Francesca Gullotta

TAORMINA – Possibile soluzione a sorpresa in arrivo per la nuova sede della scuola dell’infanzia di Taormina Prosegue, infatti, a ritmi serrati la ricerca di un immobile dove spostare i bambini del plesso “Vittorino da Feltre”, vista l’ormai appurata incompatibilità con i lavori in corso per la ristrutturazione delle elementari.

Per questo il sindaco Mario Bolognari e la Giunta stanno cercando di far scattare un “piano B”, con l’individuazione di un edificio alternativo dove trasferire i bambini per qualche tempo, in attesa di poterli poi riportare in Via Cappuccini. L’assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione, prof.ssa Francesca Gullotta ha effettuato una serie di sopralluoghi, verificando in collaborazione con la dirigente scolastica, Carla Santoro la fattibilità di alcune soluzioni. Sono circa 50 i bambini interessati da questa problematica.

“Abbiamo avuto modo di valutare alcuni immobili – spiega l’assessore – e ciò che ne emerge è un quadro di indubbia difficoltà a reperire un edificio dove spostare i bambini, perchè il patrimonio comunale si caratterizza per diversi beni che non sono nelle condizioni di accogliere subito i bambini e andrebbero ristrutturati, e Taormina centro è satura e non offre alternative e spazi funzionali da poter utilizzare per questa destinazione d’uso. Stiamo cercando di reperire in ogni modo una struttura idonea e abbiamo anche fatto un sopralluogo nei locali ex Salesiani, dove c’era un tempo l’oratorio ma di fatto sono impraticabili, le stanze sono in abbandono e non ci sono neanche i servizi igienici. Abbiamo fatto vari tentativi, sia con le Suore Figlie del Divino Zelo in via Cappuccini e con le Suore Francescane di Via Pirandello, ma anche in entrambi i casi, per vari motivi, è emersa l’impossibilità di poter arrivare ad una soluzione risolutiva”.

“E così la possibile alternativa che stiamo vagliando in questo momento – rende noto l’assessore Gullotta – è quella di portare, eventualmente, i bambini al Palazzo dei Congressi, immobile del Comune, che si trova in pieno centro e dove in questa fase non c’è l’esigenza di organizzare eventi, anche alla luce dell’emergenza sanitaria in atto. E’ un’opportunità sulla quale stiamo valutando tutti i vari aspetti logistici e funzionali, e ciò che concerne necessariamente la sicurezza”.

L’assessore non ha escluso neanche un’ulteriore eventualità: “Stiamo guardando anche ai privati e alla possibilità che si possa trovare qualche immobile che si possa adattare a questa destinazione d’uso e da utilizzare da qui ai prossimi mesi”. Non si escluderebbe, in sostanza, che possa anche trattarsi di qualche struttura ricettiva e .

Si tratta, in ogni caso, di una corsa contro il tempo, perchè la polvere e i rumori del cantiere non rendono più possibile la permanenza dei bambini nei locali di Via Cappuccini mentre procedono i lavori di ristrutturazione della elementare “Vittorino da Feltre”. L’unica cosa certa è che il patrimonio del Comune di Taormina versa in evidenti difficoltà, come giustamente sottolinea l’assessore Gullotta: “Fa riflettere che diversi immobili del patrimonio comunale siano stati completamente trascurati e abbandonati al degrado più totale per così tanto tempo, ed in alcuni casi stiamo cercando adesso di recuperarli intercettando dei finanziamenti, come già avvenuto per Casa Grandmont e come speriamo avvenga a breve anche per l’ex circolo del forestiero”.

© Riproduzione Riservata

Commenti