la senatrice Urania Papatheu

ROMA – “La giornata mondiale degli insegnanti quest’anno in Italia è un momento di solidarietà a migliaia di insegnanti che sono ormai vittime dei disastri del ministro Azzolina. Il ministro della “distruzione” sta mandando allo sbaraglio professionisti/e costretti a fare lezione in classi “pollaio” e senza banchi e in istituti ad alto rischio Covid, ha abbandonato al suo destino precari che attendono da anni di essere stabilizzati e millanta uno sconcertante ottimismo a fronte di oltre 100 scuole già chiuse e oltre 600 in cui si registrano casi Covid”. Lo ha dichiarato la senatrice Urania Papatheu, esponente di Forza Italia.

“La scuola in presenza – ha evidenziato la sen. Papatheu – poteva essere rinviata di alcuni mesi per motivi prudenziali ma il governo Conte e Azzolina si sono ostinati a far iniziare le lezioni in presenza, facendo aumentare i contagi ed esponendo insegnanti, bambini e famiglie al pericolo di contrarre il virus. Insegnanti e studenti non sanno neanche se dovranno continuare ad andare a scuola o se presto si dovrà tornare alla didattica a distanza. In questo caos l’unica amara certezza è che Azzolina è un ministro da zero in pagella”.

© Riproduzione Riservata

Commenti