la senatrice Urania Papatheu

CATANIA – “Il processo a Matteo Salvini per il presunto ritardo nello sbarco dei migranti dalla nave Gregoretti è la cartina di tornasole di un’Italia in mano ad un governo pavido, incapace di affrontare i problemi degli italiani e che non ammette neanche le proprie responsabilità e manda a processo l’allora Ministro dell’Interno per eliminare nelle aule di tribunale l’avversario politico”. Lo afferma la parlamentare siciliana di Forza Italia, Urania Papatheu.

“Ci auguriamo – evidenzia la sen. Papatheu – che il premier dica la verità davanti al Gup. Conte e Di Maio sono come gli smemorati di Collegno, ieri condivisero la linea di Salvini e oggi lo demonizzano con la solita demagogia grillina. Il centrodestra è unito e concorde nel ritenere che Salvini non ha commesso nessun sequestro di persona aggravato, perciò auspichiamo venga archiviata la posizione dell’imputato di un processo che non doveva neanche celebrarsi”.

“Assai più gravi appaiono invece le colpe e le negligenze del M5S che non affronta l’emergenza migranti e vuole far diventare la Sicilia un campo profughi con le politiche estere scriteriate di un premier senza autorevolezza e di un ministro che alla Farnesina è ormai un “fantasma”. 

© Riproduzione Riservata

Commenti