TAORMINA – Spunta una proposta a sorpresa per l’ex Circolo del Forestiero di piazza IX Aprile. Per l’immobile ubicato sotto la piazza IX Aprile, inutilizzato ormai da oltre 20 anni, si è fatto avanti infatti un privato, una società che opera nel settore turistico-ricettivo vorrebbe infatti prendere in affitto il bene. Si parla di una richiesta di concessione a lungo termine. Non si esclude che la casa municipale possa dire no a questa richiesta, poichè il Comune ha già avviato un iter per riqualificare il bene e farne un centro culturale. La scelta competerà all’Amministrazione e l’iter potrebbe approdare in Consiglio comunale, intanto dagli uffici di Palazzo dei Giurati una nota ha fatto chiarezza sulla situazione.

“L’immobile non è inserito tra i beni da valorizzare o da alienare e per lo stesso è stato presentato un progetto di risanamento dell’immobile presso l’assessorato al Turismo della Regione Siciliana ed è in attesa di finanziamento”, ha evidenziato il dirigente dell’Area Urbanistica, l’ing. Massimo Puglisi. Tale iniziativa per la riqualificazione e restauro del bene “non si configura come procedura di project financing” ma, di “fitto attivo”, ha inoltre precisato l’ing. Puglisi nella comunicazione trasmessa all’Ufficio Patrimonio e al sindaco Mario Bolognari. In ogni caso, insomma, si dovrebbe andare in gara ed espletare una procedura pubblica per l’eventuale affidamento dell’immobile.

Ma, come detto, alla fine l’ex Circolo del forestiero potrebbe tornare in funzione con una gestione direttamente a cura del Comune, visto che è in atto una richiesta di finanziamento presentata nel 2019 alla Regione per un piano di ristrutturazione del complesso. Il Comune ha chiesto alla Regione Un milione 180 mila euro per poter recuperare un bene che dall’inizio degli Anni Novanta è finito in stato di abbandono e sul quale si vorrebbe dare una svolta, ritenendo che possa diventare un punto di riferimento dell’offerta culturale della città.L’idea della Giunta è proprio quella di recuperare il bene per adibirlo a centro culturale. Al momento, nell’ambito del bando in questione, Taormina non rientra tra le località ammesse a finanziamento ma è in graduatoria e nei prossimi mesi potrebbe ottenere i fondi richiesti.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti