una splendida panorama della baia di Naxos

TAORMINA – Voci sempre più insistenti in queste ore sul rischio che venga istituita di una zona rossa nel territorio di Taormina e Giardini Naxos dopo diversi casi di contagio Covid che si sono verificati in zona. E’ uno scenario estremo e sul quale la prudenza è a dir poco d’obbligo, tenendo conto che il quadro è in piena e costante evoluzione, ma ad oggi è un’eventualità sulla quale – va sottolineato con chiarezza – non è stato mosso nessun passo ufficiale in questa direzione.

I contagi – quelli ufficiali – sono 14, presumibilmente altri se ne aggiungeranno da qui ai prossimi giorni, ma soltanto se la situazione dovesse precipitare – cosa che, evidentemente, nessuno si augura – si andrebbe incontro a una tale prospettiva. Tra l’altro, sempre nell’eventualità, sarebbero i sindaci, direttamente dal territorio, a richiedere alla presidenza della Regione e alle superiori Istituzioni l’esigenza di uno scenario del genere. Una responsabilità pesantissima e una richiesta che scatta nelle circostanze peggiori. E’ una soluzione alla quale nessuno vuole lontanamente pensare, né chi governa e meno che mai i cittadini.  

Si ritiene che ci siano concreti elementi affinché il focolaio possa essere circoscritto e che, allo stato attuale delle cose, l’ottimismo debba prevalere sul catastrofismo e sulla pur comprensibile preoccupazione generale.

Gli amministratori, e di riflesso gli operatori economici, ritengono che una simile eventualità nel primo polo turistico siciliano rappresenterebbe una mazzata devastante per l’intera isola e non solo per un territorio già provato, che sta lottando per rilanciarsi e nel quale si sta cercando di stringere i denti contro una crisi epocale. Tutto può accadere nella vita e bisogna sempre essere realisti e mettere in conto ogni ipotesi di fronte a una così imprevedibile problematica in atto, ma in questo momento va evitata ogni inopportuna fuga in avanti, che non serve a nessuno e che poi, catapultata sulla ribalta nazionale ed estera, può avere conseguenze ancor più negative.

© Riproduzione Riservata

Commenti