la senatrice Urania Papatheu

ROMA – “Settembre rischia di far sentire i primi veri effetti della pandemia economica e occupazionale ma il governo Conte è assente e inerme, latita e non si preoccupa di mettere in campo misure urgenti per contrastare subito l’avanzata della crisi”. Lo ha dichiarato la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu

“Al Mise – afferma la sen. Papatheu – sono attivi 120 tavoli di crisi che coinvolgono 170mila lavoratori, molte vertenze riguardano il Sud ed erano iniziate già prima del Covid. Ma tutti questi tavoli non sono stati risolti e ora rischiano di diventare una bomba sociale soprattutto per il Sud, dove si sono persi 380mila posti di lavoro solo nel 2020 (tanti quanti il periodo 2009-2013) e per il 2021 si temono Un milione di nuovi disoccupati, mentre 7 imprese su 10 già oggi non hanno più liquidità.

“Cosa sta facendo il governo Conte per aiutare le fasce a rischio, chi era già in condizioni di precarietà? Niente. Migliaia di lavoratori stagionali abbandonati, altri sfruttati, mortificati e mal pagati, tutti senza una rete di protezione sociale e risparmi a cui attingere, stanno diventando i nuovi poveri per colpa di un governo irresponsabile che con il suo immobilismo e il suo dilettantismo sta producendo danni epocali peggiori della pandemia”.

© Riproduzione Riservata

Commenti