Alberto Samonà (foto Giorgia Görner Enrile)

“Il Governo Conte predispone un aiuto alle città d’arte a forte vocazione turistica ma taglia fuori Taormina. E’ una norma scritta da chi non ha idea di come funzionino l’Italia e le sue imprese”. L’attacco al governo nazionale e la presa di posizione a difesa della Perla dello Ionio arriva dall’assessore regionale alla Cultura, Alberto Samonà. “Taormina, come tutti i comuni non capoluogo di provincia – afferma Samona -, è stata esclusa dai 500 milioni di euro previsti dal cosiddetto “Decreto agosto” varato dal Consiglio dei Ministri su proposta del Ministero per i Beni e le Attività culturali: aiuti ministeriali destinati agli esercizi commerciali dei centri storici di alcune città d’arte, sulla base delle presenze del 2019 e del rapporto fra turisti e abitanti. Eppure, a Taormina nei primi cinque mesi del 2019 sono transitati più di 350 mila turisti stranieri, con un rapporto di oltre 32 turisti per abitante. Un’esclusione immotivata, se si pensa che nell’intero 2019 Taormina è stata visitata da oltre un 1 milione di turisti, di cui la stragrande maggioranza stranieri, con un rapporto di quasi 84 per abitante”.

La capitale del turismo siciliana viene beffata, dunque, ed è un danno non solo alla città ma all’intera Sicilia. “Discorsi simili a quelli su Taormina – prosegue l’assessore Samonà – possono essere fatti per Cefalù. La crisi viene confermata anche dallo studio intitolato “2020 Gli effetti della pandemia in Sicilia – per un possibile cambiamento” della NMTC, pubblicato dal Dipartimento Turismo della Regione Siciliana, secondo cui la diminuzione complessiva prevista si colloca in un range che per i visitatori italiani si attesta tra il 33% ed il 38% e per gli stranieri fra il 67% ed il 72%. Una situazione tremenda, resa ancor più difficile da un governo nazionale che, magari, avendo fatto i conti con il pallottoliere sul colore delle amministrazioni, decide di fermarsi nell’erogazione dei 500 milioni di euro di contributi solo a poche città, dimostrando ancora una volta di non aver compreso minimamente la struttura economica e sociale dell’Italia e delle sue imprese, la sua storia e quella dei territori che la compongono”.

Poi l’attacco finale di Samonà al governo Conte: “Ancora una volta Conte e i suoi brillano per incapacità e inadeguatezza. I contributi vanno assegnati a tutti i comuni d’arte ad alta vocazione turistica e lo dico come assessore regionale ai Beni culturali di una terra che vede un enorme patrimonio d’arte e di bellezza diffuso sino ai borghi più sperduti o a paesi che, insieme ai loro abitanti e commercianti e albergatori, sono i veri custodi di storia e di identità. Scegliere di limitarsi a qualche grande centro urbano significa condannare a morte un immenso patrimonio storico, sociale ed economico”.

© Riproduzione Riservata

Commenti