TAORMINA – Giallo in mare nelle acque tra Taormina e Letojanni, dove ieri è stato segnalato alla Guardia Costiera di Giardini Naxos un deltaplanista che sarebbe finito in mare. A seguito di questa segnalazione data da una persona che si trovava in zona, intorno alle ore 12 sono prontamente scattate le ricerche da parte della Guardia Costiera-Locamare di Giardini, che hanno interessato lo specchio d’acqua tra Taormina, all’altezza per l’esattezza della spiaggia di Mazzeo e della vicina Letojanni. Le ricerche sono state effettuate per diverse ore ed hanno impegnato una motovedetta di Giardini Naxos, una motovedetta di Messina, e anche un aereo che ha perlustrato dall’alto il tratto di mare in oggetto alla ricerca del deltaplanista in questione.

Le ricerche non hanno, tuttavia, dato esito e non è stato trovato nessun corpo in mare e nemmeno tracce che possano far pensare alla effettiva presenza nelle acque di Mazzeo e Letojanni di una persona. Le ricerche hanno anche riguardato ulteriori tratti vicini, come Sant’Alessio Siculo ed anche le acque taorminesi di Spisone.

E’ possibile che l’avvistamento del deltaplanista possa essere stato, in realtà, quello di un parafly. La persona che ha segnalato potrebbe cioè aver visto, in effetti, un paracadute trainato da un natante e potrebbe, quindi, aver tratto l’impressione che si trattasse di un deltaplanista. Ma, come detto, alla fine delle ricerche che sono durate sino a tutto il pomeriggio non è stato rinvenuto alcun elemento in mare che portasse alla presenza di qualche persona e, tra l’altro, non risultavano denunce di scomparsa in tal senso.

© Riproduzione Riservata

Commenti