TAORMINA – Ricordate Tafazzi? E’ il personaggio ideato da Carlo Turati e interpretato da Giacomo Poretti, componente del trio Aldo, Giovanni e Giacomo, la cui caratteristica principale è il masochismo. Ed è lui, Tafazzi, il vero grande protagonista di questo strano agosto a Taormina e dintorni.

Si registra da qualche giorno, infatti, un’impennata di circostanze in cui si cerca di emulare Tafazzi, all’insegna del volersi fare a male da soli, ad ogni costo. Il fenomeno del “tafazzismo” attrae non poche persone e il desiderio di mettersi al centro della scena diventa come il richiamo della foresta. D’altronde, la calura di agosto si fa sentire, il sole picchia forte e spinge cittadini di Taormina e di altre località dell’hinterland, a una sorta di sfida a chi la spara più grossa sull’emergenza sanitaria.

La giostra del “mi hanno detto” e “lo so per certo” gira veloce. Se poi si nota per strada la presenza di un’ambulanza la giostra diventa una centrifuga. Tizio avverte Caio, che poi informa Sempronio e via dicendo.

Ad oggi, in questo momento, si tratta di chiacchiericci sui quali nella gran parte dei casi non c’è niente o se qualcosa può esserci non si attendono nemmeno le verifiche e si salta troppo in fretta alle conclusioni. Ma tanto basta a scatenare ansie e confusione in una fase nella quale occorre, invece, essere prudenti, fare attenzione, tenere un basso profilo e avere comportamenti responsabili.

Non è il momento di fughe in avanti né di farsi prendere dalla fantasiose e/o distorte frenesie del cortile paesano per fare confusione e creare allarmismi. E’ cosa saggia non stare appresso ai “sentito dire” della strada e meno che mai alle “minchiate” in libertà di chat, community e social vari. Se poi, in queste ore o nei prossimi giorni, dovessero esserci sviluppi reali ci sarà sempre l’informazione, quella vera, a fare la propria parte.

© Riproduzione Riservata

Commenti