Mario Bolognari

TAORMINA – Lo avevamo detto, non per caso, questa mattina su BlogTaormina che da giorni ormai girano a Taormina insistenti voci incontrollate, suggestioni e fantasie che in particolare attraverso i social spargono poi allarmismo. L’ufficialità del primo caso di Covid giunta nella tarda mattinata e l’annuncio da parte del sindaco hanno portato ad una dura presa di posizione proprio del primo cittadino, che condividendo l’appello oggi lanciato a BT, ha chiesto senso di responsabilità ma ha anche preannunciato denunce.

“Devo smentire tutta una serie di voci circolate sui social e preannuncio che denuncerò per procurato allarme chi riporta queste notizie infondate su chiusura di locali e addirittura di alberghi. Persino 5,6 o 10 casi di positività che non esistono e che sono soltanto il gioco della fantasia di persone che vogliono soltanto spargere panico e diffondere notizie false”.

“Non c’è nessuna chiusura di locali in ragione del Covid ma eventualmente per altro tipo di violazioni di norme”.

“E’ arrivata una famiglia di 5 persone per alloggiare in una struttura ricettiva e una di loro aveva la febbre molto alta. La persona è stata sottoposta al tampone e il risultato è stato negativo. La febbre era alta per un’altra patologia che non ha nulla a che vedere con il Covid. Questa famiglia è regolarmente in vacanza in città e alloggia nella struttura dove aveva prenotato. E’ possibile che questa circostanza abbia fatto il giro del paese e si siano costruite delle fantasie”.

© Riproduzione Riservata

Commenti