l'avvocato Filippo Patanè

TAORMINA – “La politica taorminese dibatte pensando di utilizzare i canoni esistenti prima della crisi sanitaria. Oggi l’obiettivo è salvaguardare la stabilità economica e finanziaria dell’ente e garantire l’erogazione dei servizi essenziali”. Lo ha dichiarato il coordinatore del Partito Democratico di Taormina, l’avvocato Filippo Patanè.

“Il lavoro svolto sottotraccia per normalizzare la situazione contabile ed amministrativa del Comune è importante e decisivo sul lungo periodo – spiega Patanè – . Questo è un percorso necessario per recuperare la capacità di programmare e fare politica, senza ricorrere alle vecchie prassi delle somme urgenze o delle sedute fiume dell’ultimo dell’anno. “L’operazione verità”, come definita dal sindaco Bolognari, è in corso e non è sfuggito a nessuno l’intervento delle Forze dell’Ordine e della magistratura sulla gestione di alcuni centri amministrativi: la persistenza di zone grigie non è più tollerabile. In questo senso, le riflessioni rese in Consiglio Comunale dal liquidatore di Asm dimostrano che i consiglieri del Pd nello scorso mandato avevano visto giusto; la relazione ha denunciato un quadro di “disordine amministrativo”, l’assenza di procedure ad evidenza pubblica, la mancanza di una contabilità attendibile e veritiera e la disorganizzata gestione della spesa.

“Il nostro invito alla politica taorminese è quello della sobrietà, soprattutto nei toni del confronto: il dibattito deve soffermarsi sulla questione legalità e buona amministrazione. Non sento in questo senso, tranne qualche isolato caso, prese di coscienza ed autocritica, forse si è ancora convinti che i cittadini sono insensibili alle amnesie o ai cambi repentini di opinione. Non basta perorare problemi singoli o sollevare polemiche estemporanee: la politica o è una strategia che si pone obbiettivi di sviluppo economico e sociale a lungo raggio, oppure è solo il gioco della sedia. Qui si parla di aggregazioni, il Pd invece ha contribuito, con le altre forze politiche, ad un progetto amministrativo che spiega come vogliamo la nostra città, anche con scelte non di consenso, questa è la politica. Per questo sta bene l’inizio della raccolta differenziata porta a porta su tutto il territorio comunale, l’impegno concreto nelle piccole manutenzioni, la stipula della convenzione con la Forestale per la gestione della Villa Comunale, aperta oggi in notturna, il recupero del finanziamento relativo alla Vittorino da Feltre e quello relativo al Palazzo Corvaja, l’atto di indirizzo per l’affidamento in gestione del Palazzo dei Congressi, atti questi che dimostrano una strategia amministrativa chiara ed oggi sento discutere di suoli pubblici e viabilità, altri due tasselli essenziali”.

“Quindi invitiamo la maggioranza ad intensificare il proprio lavoro, tenendo come bussola il programma amministrativo. La cittadinanza guarda alla attuale sindacatura, perché vi attribuisce responsabilità e capacità e non serve soffiare sulle preoccupazioni per giocare di rimessa. Il lungo autunno che ci aspetta ci chiamerà ad una prova di capacità politica, alla quale nessuno, né maggioranze né minoranze, potrà sottrarsi”.

© Riproduzione Riservata

Commenti