l'ex vicesindaco Andrea Raneri

TAORMINA – “Stavolta non si può commettere l’errore che io stesso ed altri abbiamo commesso. Non si deve partire più dal candidato sindaco e dall’anteporre se stessi a tutto il resto, bisogna unire tutte le forze politiche di centrodestra in un unico progetto politico che sia realmente alternativo all’attuale Amministrazione”. Lo afferma il coordinatore di Fratelli d’Italia a Taormina, Andrea Raneri, che così spinge le forze di opposizione a riorganizzarsi e chiama all’appello i rappresentanti politici locali dell’area di centrodestra a fare quadrato in vista della prossima tornata di voto: “Ma questo progetto deve partire adesso e bisogna iniziare a fare opposizione anche da fuori l’aula del Consiglio comunale”.

“E’ vero che mancano ancora 3 anni al voto ma il ragionamento politico lo si deve avviare adesso e deve essere un percorso alternativo a questa Amministrazione. L’ho detto e lo ribadisco che solo mettendo in campo un progetto e delle idee, si può dimostrare alla gente che siamo un’alternativa seria. Il candidato lo si sceglierà poi, alla fine di questo ragionamento, e tra persone di buone volontà un accordo si può e si deve trovare. In questo momento c’è una guida della città che non eccelle e non voglio dire altro”.

“Dobbiamo creare subito un progetto di centrodestra e non commettere l’errore che ha consentito la volta scorsa a Bolognari di vincere. L’attuale sindaco ha vinto nel 2018 perche noi abbiamo puntato sui nomi e ci siamo divisi. Lui ha proposto ai cittadini un progetto, più o meno credibile ma che comunque è stato premiato dagli elettori. Stavolta, perciò, dovremo essere capaci di fare squadra e trovare una sintesi, saper proporre ai cittadini delle idee e dire cosa vogliamo fare nei prossimi mesi per rilanciare Taormina, tanto più dopo questa grave crisi in atto”.

“Ammetto di aver sbagliato la volta scorsa nel proporre il mio nome al di sopra di tutto e mi sono poi ritirato perché non sono riuscito a costruire una squadra – evidenzia Raneri -. E il non avere una squadra poi diventa determinante, nel bene o nel male. Lo dimostra anche l’attuale Amministrazione, dove il sindaco ha esperienza ma non ha una squadra e un’aggregazione in grado di poterlo coaudiuvare in modo efficace”.

“A settembre – concluderò Raneri – inviterò i rappresentanti di Diventerà Bellissima, Forza Italia e Lega a sedersi tutti attorno ad un tavolo. Confrontiamoci e cerchiamo di non ripetere gli errori del passato per non riconsegnare nuovamente la città a chi oggi non la sta governando nel modo migliore”.

© Riproduzione Riservata

Commenti