Orlando Russo con il governatore Nello Musumeci

TAORMINA – L’Unione dei Comuni Naxos-Taormina accelera i tempi per l’adesione alla Fondazione Taormina Arte. Il 4 agosto si dovrebbe tenere, infatti, una riunione dell’assemblea dell’unione presso l’aula consiliare del Comune di Taormina e in quella occasione, a quanto risulta, si affronterà proprio la questione della volontà dell’Unione di entrare nella Fondazione TaoArte. Si tratta di una novità che dovrebbe assumere i crismi dell’ufficialità nei prossimi giorni, con la relativa convocazione e con un dibattito che potrebbe rappresentare un importante passo in avanti, se non decisivo, verso l’ingresso dell’Unione dei Comuni nell’ente culturale.

Di questo sodalizio comprensoriale fanno parte Giardini Naxos, Letojanni, Castelmola e proprio Taormina, che ha aderito lo scorso anno, senza dimenticare inoltre i comuni di Gallodoro e Mongiuffi Melia. “E’ una battaglia che va avanti, che ho deciso di portare avanti nell’interesse del comprensorio come tutte quelle che ho fatto ed è un’iniziativa che intende portare fino in fondo, con la collaborazione degli altri amici amministratori e di tutti i comuni dell’Unione”, afferma il sindaco di Castelmola, Orlando Russo, presidente dell’Unione dei Comuni.

Russo ha già informato di questa iniziativa l’assessore regionale al Turismo, Manlio Messina e sulla questione si è espresso in termini possibilisti anche il commissario straordinario della Fondazione Taormina Arte Sicilia, Bernardo Campo. “L’Unione dei Comuni, in linea teorica, poteva già entrare negli anni scorsi – spiega Campo -, lo statuto prevede la presenza di soci promotori che hanno degli obblighi in termini di conferimento al fondo di dotazione e al fondo di gestione della fondazione. Ben vengano quanti più soci possano rafforzare la struttura e anche nell’ottica di una maggiore partecipazione del territorio, ma ovviamente è importante che possa esserci un apporto produttivo”, ha detto Campo. Nella Fondazione, che dopo l’estromissione dei due enti messinesi (Comune ed ex Provincia regionale) adesso è costituita dalla Regione Siciliana e dal Comune di Taormina, arriverebbe insomma un nuovo apporto con l’Unione e sull’argomento ora i comuni stanno per avviare il dibattito politico.

“L’interessante idea-proposta fatta dal presidente Russo – ha detto Mario Amoroso, presidente del Consiglio dell’Unione dei Comuni – è un’iniziativa certamente condivisibile. Insieme a lui e con i colleghi consiglieri facenti parte dell’unione, convocherò un consiglio comprensoriale con un ordine del giorno specifico all’argomento. Il progetto è chiaro e facilmente attuabile, visti anche gli obiettivi programmatici dell’unione, come ad esempio la promozione turistica e iniziative turistico-culturali. A mio parere, sarebbe più interessante far circuitare piccoli-medi eventi e manifestazioni dislocati nelle location minori e cioè nei comuni dell’hinterland taorminese. La proposta, se accolta ci consentirà di offrire un territorio unito e sinergicamente forte nell’accoglienza turistica”.

© Riproduzione Riservata

Commenti