Angela Merkel

Si dice in certi casi (e con altri toni) che qualcuno vada per fregare gli altri ma poi viene fregato in extremis da inattese circostanze avverse. E’ il caso della cancelliera Frau Merkel che non più tardi della scorsa primavera, a conclusione del lockdown, aveva “benedetto” una serie di accordi riguardanti le rotte estive dei turisti tedeschi. E’ il caso del corridoio per la Croazia ma anche per la Spagna. Con tanti saluti all’Italia…

La Germania, si sa, è sempre stato un grande bacino di utenza per le nazioni a vocazione turistica e adesso il Paese condotto da Angela Merkel si ritrova in una situazione di schiacciante superiorità economica e anche sanitaria per il modo in cui è stata gestita l’emergenza Coronavirus. Risultato: i tedeschi hanno sia soldi che salute per poter viaggiare nei prossimi mesi. Da qui il via libera alle spiaggia delle Spagna, in barba ad altre destinazioni storiche del turismo tedesco come l’Italia.

E’ storia nota che in terra teutonica quando si tratta di favorire altri che non siano l’Italia, non c’è mai troppo dispiacere ma, stavolta, si è messo in mezzo il Covid ad arginare le strategie di Frau Merkel. Una seconda ondata del virus sta flagellando di nuovo la Spagna e per i turisti tedeschi c’è all’orizzonte un cambio immediato di destinazione per non incorrere nel pericolo di contagio in terra iberica.

Resta alto in Europa l’allarme per i contagi da Coronavirus e adesso la Germania frena sui viaggi nelle regioni della Spagna, mentre l’Oms avverte che la pandemia da Coronavirus non è stagionale ma è un’unica grande ondata in continua oscillazione.

La Germania, insomma, è corsa ai ripari chiedendo ai suoi cittadini di non andare in Spagna, dove la curva epidemiologica è in rialzo da giorni. ”I viaggi turistici non essenziali nelle comunità autonome di Aragona, Catalogna e Navarra sono attualmente sconsigliati a causa dei rinnovati elevati livelli di infezione e delle misure di lockdown”, ha reso noto il ministero degli Esteri tedesco. Una decisione che segue quella della Gran Bretagna di imporre la quarantena a tutti i viaggiatori provenienti della Spagna e che ha provocato le reazioni piccate del governo di Madrid. Sulla questione è intervenuta anche la portavoce del governo di Madrid, Maria Jesus Montero, secondo la quale la Spagna rimane una “destinazione sicura per i turisti”. Sta di fatto che la Comunità di Madrid ha stabilito l’obbligo di mascherina in pubblico anche in strada e nelle terrazze dei bar, seguendo l’esempio di quasi tutte le 17 regioni del Paese.

La Germania dovrà rivedere in corsa i piani per i suoi turisti, e magari converrebbe che la l’algida cancelliera Merkel si tolga, almeno per una volta, la spocchia anti-italica di chi cerca da anni di telecomandare le vicende di casa nostra, di snobbarci e ostacolarci (con la colpevole compartecipazione della pavida politica italiana di destra e di sinistra, tutti e nessuno escluso).

Alle porte di agosto, chissà che per quei tanti tedeschi che avevano scelto la Spagna e dovranno spostarsi altrove, non si riaprano le porte di altre destinazioni come l’Italia…

© Riproduzione Riservata

Commenti