Migranti
migranti in Sicilia

ROMA – “Nella mia vita ho sempre difeso i diritti umani e sempre li difenderò, lottando contro ogni forma di razzismo e discriminazione. I continui sbarchi di migranti in Sicilia, assecondati dal governo Conte, mi portano però a una riflessione. I migranti che arrivano a Lampedusa sono tutti uomini tra i 25 e i 45 anni. Come mai non c’è traccia di donne, anziani o bambini? Come mai gli sbarchi vanno avanti ormai da anni e si interruppero solo nel periodo del G7 di Taormina della primavera 2017, quando non arrivò neanche un migrante nelle coste siciliane?”. Lo afferma la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu.

“Basta con lo scontro ideologico di chi vuole spostare l’attenzione dal vero problema – evidenzia Papatheu -: queste persone vengono caricate sui barconi per farne manovalanza del caporalato e strumento delle mafie. Le sinistre non affrontano la questione e vogliono trasformare la Sicilia in un campo profughi”.

“Ogni vita umana va salvata ma il tempo dell’ipocrisia è finito: le sinistre la smettano con i finti moralismi e non facciano più il gioco di chi vuole ridurre questi disperati in schiavi”.

© Riproduzione Riservata

Commenti