Ospedale di Taormina
Ospedale di Taormina

TAORMINA – L’odissea di Sofia sta per finire. Si sta riprendendo e ha superato, infatti, il momento critico la ragazza taorminese coinvolta nel tragico incidente mortale in cui la notte tra il 26 e il 27 giugno scorso a Giardini Naxos ha perso la vita il fidanzato Giuseppe D’Amico. I due erano a bordo di uno scooter. Fatale poi l’impatto con un’auto avvenuto sulla Via Nazionale. Su questa drammatica vicenda sono in corso ora le relative indagini della Procura di Messina, che accerteranno le eventuali responsabilità.

Giuseppe non ce l’ha fatta, un destino atroce se l’è portato via quando aveva ancora un’intera vita davanti a sé. La 17enne Sofia venne invece ricoverata in gravi condizioni all’ospedale San Vincenzo di Taormina. Ha lottato per la vita nel reparto di Rianimazione ed è riuscita a superare il momento critico. Adesso è stata trasferita nel reparto di Ortopedia. Presto potrà finalmente tornare a casa. Ieri mattina la ragazza e i suoi familiari hanno ricevuto in ospedale la visita della senatrice Urania Papatheu, che ha promosso l’istituzione della giornata nazionale dei “Camici bianchi” per il loro impegno nei mesi dell’emergenza Covid e ha ringraziato proprio i medici, gli infermieri ed il personale del “San Vincenzo” per essersi presi cura della ragazza. “Proprio nel giorno del mio compleanno, il regalo più bello è stato il sorriso di questa ragazza. La dolcezza Sono felice di averla incontrata e che ce l’abbia fatta a superare il momento difficile, e che presto potrà uscire”, ha detto la parlamentare.

Papà Fabio e mamma Graziella in questi giorni di sofferenza sono sempre rimasti al fianco di Sofia, non l’hanno mai lasciata da sola, nemmeno per un istante e le hanno fatto sentire tutto il loro amore. Ora per Sofia si avvicina il momento del ritorno a casa. “Siamo contenti che nostra figlia si stia riprendendo. Possiamo soltanto dire che è stata, e rimane, una vicenda di grande sofferenza – afferma la signora Graziella, mamma di Sofia -. Da una parte c’è la gioia di sapere che Sofia ha superato il momento critico, dall’altro rimane il dolore per la morte di Giuseppe, un bravissimo ragazzo che purtroppo ha perso la vita, un giovane a cui ci eravamo affezionati anche noi e a cui nostra figlia voleva molto bene. Ora speriamo che nostra figlia possa tornare al più presto a casa insieme a noi”.

© Riproduzione Riservata

Commenti