Arcangelo Maiello, Comandante Carabinieri della Compagnia di Taormina
Arcangelo Maiello, Comandante della Compagnia Carabinieri di Taormina

GIARDINI NAXOS – Si intensificano i controlli dei Carabinieri nell’ambito dell’operazione “Estate sicura” a Giardini Naxos, e nell’hinterland con particolare riferimento alle vicine località di Letojanni e Taormina. Riflettori accesi su droga e movida.

Anche in vista del periodo di massimo afflusso di avventori in zona, previsto a partire da questo week-end, i militari dell’Arma della Compagnia di Taormina, sovrintesi dal comandante Arcangelo Maiello, hanno deciso di intensificare i controlli con una serie di attività straordinarie sul territorio per dare, soprattutto, una stretta sullo spaccio di droga e sui rischi legati alle intemperanze da parte della movida a Naxos nelle ore notturne. Previsto il dispiegamento di gazzelle con uomini in divisa ma anche militari in borghese, servizi di pattugliamento nelle aree strategiche, agli ingressi e le uscite del paese ed è inoltre è stato disposto l’impiego di unità cinofile. In campo i reparti speciali dell’Arma, che affiancheranno le stazioni e il Nucleo Radiomobile, con l’ausilio dei Nas (Nucleo Antisofisticazioni) e il Nil (Nuclei Ispettorato del Lavoro). Avviati anche dei controlli sugli orari di chiusura dei locali.

Alle porte di agosto, si punta al contrasto di eventuali disordini riguardanti la movida ma anche e soprattutto al contrasto delle attività di spaccio di sostanze stupefacenti. Un fenomeno che non conosce la crisi e viene ritenuto in crescita rispetto anche alla scorsa estate.

L’attenzione è rivolta, a quanto pare, soprattutto sull’arrivo da queste parti di pusher provenienti dal catanese. I militari avrebbero già notato un intensificarsi dei traffici riguardanti lo spaccio di droga e per individuare queste attività illecite vengono messi in servizio uomini non solo in divisa ma anche in borghese. L’obiettivo, insomma, è quello di dare una risposta confortante anche alle preoccupazioni di recente palesate dagli amministratori locali e di cui si è parlato anche in sede di comitato provinciale sull’ordine pubblico e la sicurezza in Prefettura.

© Riproduzione Riservata

Commenti