MESSINA – Il Prefetto di Messina annulla l’ordinanza con la quale il sindaco Cateno De Luca il 18 luglio scorso aveva disposto la chiusura dell’hotspot di Bisconte. Secondo il primo cittadino il centro di accoglienza dei migranti va chiuso ma il Prefetto ha stoppato l’atto emesso dal primo inquilino di Palazzo Zanca.

“Annullata la mia ordinanza per la chiusura hotspot di Messina? Nessun problema”, replica De Luca. “La Prefetta Librizzi me lo ha preannunciato con una telefonata concordando un incontro per domani alle ore 11 in prefettura. Non entro nel merito dell’annullamento perché non c’entrano nulla le competenze del Sindaco ne’ io sto a sindacare gli appalti ed i servizi che sono stati espletati per L’hotspot di Bisconte, pretendo soltanto che questa struttura venga chiusa immediatamente perché abusiva e crea problemi di ordine pubblico e sanitario. A buon intenditore poche parole”. Ed ancora: “Quella struttura va chiusa, i migranti sono in giro. Centinaia di famiglie vivono nel terrore perché chi fugge da questo hotspot lo fa passando dalle abitazioni private. Gli abitanti ne hanno le p….e piene”. 

“Non rientra nel potere del sindaco, anche in qualità di ufficiale di governo –si legge nel provvedimento prefettizio -, adottare provvedimenti che incidono in materia di immigrazione, trattandosi di materia riservata alla competenza esclusiva dello Stato, ovvero del Ministero dell’Interno e della Prefettura”.

© Riproduzione Riservata

Commenti