L'ex Ospedale di Taormina
l'ex ospedale di Taormina

TAORMINA – L’Asp Messina ha avviato l’iter procedurale finalizzato alla ristrutturazione dell’ex ospedale San Vincenzo di contrada Cuseni, che dovrebbe scattare entro fine anno. Si tratta di un piano di interventi da 200 mila euro disposto dal direttore generale dell’azienda sanitaria, Paolo La Paglia, che dovrebbe approdare alla fase operativa in autunno. L’obiettivo per il quale si stanno stringendo i tempi è quello di restituire piena funzionalità ad un immobile che per una parte è dell’Asp e per l’altra metà appartiene al Comune di Taormina. Nella parte di pertinenza dell’azienda sanitaria si trovano gli uffici di zona del Distretto sanitario, ed è questa l’unica ala operativa dell’intero edificio perchè quella di cui è titolare il Comune di Taormina è in condizioni disastrose e inagibile.

Ma, allo stesso tempo, l’area di competenza dell’Asp va ristrutturata e necessita di importanti lavori di maquillage che vengono auspicati ormai da tempo sia dal personale impiegato sia dai cittadini che fruiscono dei servizi del Distretto sanitario. Lo stesso manager dell’Asp, a seguito di alcuni sopralluoghi, effettuati in contrada Cuseni si è detto sorpreso dalla “differenza che vi è in atto tra la situazione dei locali dell’ex ospedale e quelli dell’attuale presidio di contrada Sirina”.

Nel piano di investimenti dell’azienda sono stati così previsti 200 mila euro di impegno di spesa, già destinati a queste opere prima ancora della fase di emergenza sanitaria e del lockdown che hanno bloccato tutto e determinato un rinvio di questo iter. A questo punto, con l’avvenuto ritorno alla normalità, l’Asp ha avviato le procedure, dando seguito all’impegno del direttore generale di sistemare i locali dell’ex ospedale e risolvere i problemi in atto da parecchio tempo in questo complesso. I lavori dovrebbero scattare entro fine anno o al più tardi nei primi mesi del 2021. Occorre ripristinare la funzionalità di alcuni ambienti, bisognerà ritinteggiare gli ambienti e ammodernarli.

© Riproduzione Riservata

Commenti