JEREZ (SPAGNA) (ITALPRESS) – Marc Marquez vola nelle prove libere del venerdì del Gran Premio di Spagna, ma i rivali rispondono presente. Il pilota spagnolo della Honda Hrc mette subito le cose in chiaro nella prima sessione mattutina, facendo segnare in 1’37″350 il miglior tempo di giornata, ma non riesce a scavare un solco tra sè e i principali rivali per la vittoria del Mondiale che scatta proprio da Jerez dopo la lunga pausa per l’emergenza coronavirus. Il distacco tra Marquez e Maverick Vinales, infatti, è di appena due centesimi e la sensazione è che questa Yamaha possa persino migliorare in vista delle qualifiche e della gara. Nella seconda sessione il campione del mondo in carica è protagonista anche di una caduta, per fortuna senza conseguenze, e si accontenta del 4° tempo in un pomeriggio in cui a farla da padrone sono le Yamaha Petronas: giri più lenti rispetto alle prime libere a causa del caldo ma doppietta con Franco Morbidelli e Fabio Quartararo. El Diablo riscatta così una prima sessione non eclatante e si candida anche lui per un ruolo da protagonista nel weekend iberico, ma nella classifica combinata il suo è soltanto il 15° tempo e sarà così costretto a darsi da fare nelle terze libere. Andrea Dovizioso è invece protagonista al mattino con il quarto crono che fa ben sperare in casa Ducati, a fronte di un Danilo Petrucci che invece patisce ancora i postumi della caduta di mercoledì. Lontano dai primi anche Valentino Rossi: il “Dottore” non va oltre il 13° crono nelle libere 1 pagando otto decimi da Marquez, mentre nella seconda sessione la situazione non migliora e chiude 20°. Le prove libere 3 scatteranno sabato alle 9.50, mentre alle 13.30 sarà la volta delle FP4 che anticipano le qualifiche previste a partire dalle 14.10.
(ITALPRESS).

© Riproduzione Riservata

Commenti