la sen. Urania Papatheu

ROMA – “Il ministro Boccia, ancora una volta, ci regala una perla di saggezza che farebbe ridere se in questa crisi economica e sociale del Paese non ci fosse da piangere. Secondo Boccia (di cui non vi e’ traccia della sua utilità istituzionale) “la proroga dello stato di emergenza e’ come l’Arca di Noe'”. E’ la degna, indecente, metafora di un governo tragicomico che specula sulla crisi sanitaria e non fa più mistero di auspicare una seconda ondata del virus pur di restare al potere, limitando intanto le libertà e scavalcando il Parlamento”. Lo afferma la parlamentare siciliana di Forza Italia, Urania Papatheu.

“Mentre ovunque l’emergenza e’ già finita, l’unico Stato in Europa in cui si prolunga e’ l’Italia, solo perché qui c’è un governo di dilettanti disperati che si aggrappano alla zattera della pandemia per sfuggire al diluvio universale che presto o tardi li travolgerà col voto degli italiani”.

“Da Noe’ a Conte e Boccia – conclude Papatheu -, dalla genesi ai tristi sinistri, l’arca biblica e’ diventata la barca dei poltronari, che stanno traghettando l’Italia in un disastro senza precedenti”. 

© Riproduzione Riservata

Commenti