Urania Papatheu e Antonio Messina

“Gli imprenditori dell’intrattenimento serale e notturno, già penalizzati da una crisi epocale e costretti ad una ripartenza ad handicap, senza gran parte della clientela, stanno subendo oltre al danno anche la beffa. Al crollo dei fatturati e ad un’applicazione cervellotica dell’obbligo di distanziamento, si aggiunge una gestione disomogenea dei territori e dei dispositivi di sicurezza e ordine pubblico, tra ordinanze di chiusura che variano di comune in comune e concorrenza sleale incontrastata.

“Il Ministero dell’Interno già di per sé mette poche e insufficienti risorse, umane e logistiche, a disposizione per la sicurezza e quelle disponibili vanno impiegate in termini strategici, altrimenti il Covid diventa un’alibi e gli imprenditori non possono diventare anche su questo aspetto l'”agnello sacrificale” della crisi. Non si può penalizzare oltremodo chi ha già fatto un miracolo riaprendo i locali per dare un servizio. Perciò ho incontrato il presidente regionale di Silb, Antonio Messina, per ascoltare la voce di operatori che meritano rispetto, stima e sostegno da uno Stato che li ha dimenticati.

“Emblematica è la situazione di Giardini Naxos, dove attorno alle attività si registrano  intemperanze notturne di soggetti che raggiungono questa ed altre mete turistiche solo per delinquere e per rappresentare un elemento di disturbo alla pubblica quiete. Risse, spaccio di droga, vandalismi, questo ed altro a Giardini Naxos accade ormai da tempo e non si comprende perché non si riesca a stoppare questo fenomeno una volta per tutte. C’è un problema da risolvere e intendo affrontarlo. I controlli vanno fatti fuori dai locali e non dentro, ed in particolare è importante che vengano effettuati nei punti di ingresso e di uscita dal paese: è così che si garantisce la necessaria serenità di un territorio. Se non si fa questo non avrà senso continuare a parlare di rilancio del turismo. Occorre ripartire all’insegna del divertimento e della sicurezza, che però non è solo quella sanitaria ma soprattutto della tranquillità per tutti i cittadini”.

© Riproduzione Riservata

Commenti