la funivia di Taormina

TAORMINA – Dopo i dati da incubo del mese appena trascorso chiuso con un crollo del 90% di presenze, la funivia di Taormina prova a recuperare il terreno perduto in questa stagione di grande crisi che non risparmia Taormina. A partire da sabato prossimo (18 luglio), infatti, la funivia Taormina-Mazzarò prolunga il suo orario di servizio (sin qui posto alle ore 20) sino all’una di notte, come nelle scorse estati e come da tradizione dell’impianto che collega il centro storico della città con la zona a mare di Mazzarò (ma anche con la vicina Isolabella).

E’ un atto di fiducia e di speranza da parte di Asm, l’azienda che gestisce l’impianto, perché comunque l’auspicio ma anche la convinzione è che si possa e si debba risalire la china almeno in questo bimestre di luglio e agosto. I turisti stranieri in città sono ancora pochi ma le strutture ricettive in molti casi hanno riaperto e si sta cercando, insomma, di affrontare il momento di difficoltà anche se le difficoltà rimangono tante e l’ottimismo di qualche settimana fa, in città, ha lasciato in diversi casi spazio ad ulteriore preoccupazione.

l’ing. Sergio Sottile

“Noi intanto prolungheremo il servizio per la clientela, istituendo il terzo turno, come è sempre avvenuto anche negli anni passati e la speranza che abbiamo è che la situazione possa migliorare”, evidenzia il direttore d’esercizio della funivia, l’ing. Sergio Sottile, che segue da vicino l’andamento tecnico e funzionale dell’impianto e che conferma anche un’altra importante novità di questi giorni.

“A seguito dell’ordinanza emessa dal presidente della Regione, Nello Musumeci che non pone più l’obbligo del distanziamento e ripristina l’utilizzo a piena capienza dei mezzi di trasporto – sottolinea Sottile – anche la funivia può ora beneficiare di questa decisione. Per questo ci siamo già attivati ed è stata riattivata la normale capienza di 12 persone a cabina”. Finisce, dunque, la fase provvisoria che dallo scorso 23 maggio, data in cui era stata riaperto l’impianto, aveva costretto la funivia, per via delle limitazioni previste nelle misure anti-Covid, ad una restrizione della capacità di trasporto nelle cabine a sole 4 persone per vettura. Ora ognuna delle quattro cabine in direzione monte e delle altre quattro in direzione mare potranno operare di nuovo a pieno regime.

© Riproduzione Riservata

Commenti