gli agenti della Polizia locale di Taormina

Taormina. Il tesoretto per le assunzioni nel bilancio comunale c’è ancora ma le assunzioni slittano a dopo l’estate o più probabilmente al 2021. Arriva una notizia confortante e una, invece, decisamente amara per il Corpo di Polizia locale di Taormina, che dovrà affrontare un’altra estate con pochi vigili urbani e senza i rinforzi attesi ormai da tempo immemore. Ad inizio anno, prima dell’emergenza, il Comune aveva avviato l’iter che prevedeva l’assunzione di 11 istruttori di vigilanza da qui ai prossimi due anni. Poi c’è stato il lockdown, uno tsunami che ha rimesso tutto in discussione e paralizzato questo tentativo di svolta in un settore dove sono rimasti a disposizione, in organico, soltanto 7 unità al fianco del Comandante Agostino Pappalardo.

A dispetto della grande crisi, che investe anche il Comune, la capacità assunzionale ammonterebbe ancora adesso a circa Un milione di euro (anche se forse non arriverà alla precedente stima di Un milione e 400 mila euro). Questo “tesoretto” era stato ripartito nel biennio 2020-2021, con 25 stabilizzazioni dei lavoratori socialmente utili già in servizio presso l’ente e poi 14 concorsi esterni, di cui 11 per Istruttori di vigilanza al servizio della Polizia locale. Anche a seguito di recenti contatti tra l’Amministrazione e la rappresentanza della Polizia locale è emerso che il “tesoretto” per le assunzioni c’è ancora e questa è buona la notizia, ma poi c’è la beffa: se prima non si approverà il bilancio consuntivo 2017, quello dunque di 3 anni fa, non ci sarà modo di sbloccare la questione.

I tempi per poter ampliare l’organico si allungano e non si riuscirà a fare in tempo per questa stagione turistica ormai iniziata e che sarà caratterizzata dalla necessità di stringere i denti, ancora una volta, per i pochi vigili urbani disponibili. L’estate non sarà quella del gran pienone e non si prevede il boom turistico a causa delle conseguenze di quanto accaduto nei mesi recenti nel mondo, ma gli agenti della PL dovranno tuttavia effettuare diversi servizi sul territorio ed anche dare supporto, per la viabilità, nelle serate al Teatro Antico, in occasione degli spettacoli previsti (che avranno una capienza di mille posti).

L’unico rinforzo su cui potrà contare la Polizia locale in questa estate sarà il rientrante commissario Daniele Lo Presti, il vicecomandante della Polizia locale di Taormina, che lo scorso novembre si era trasferito per un anno a Messina ma che il 30 maggio scorso ha revocato l’assenso all’istituto di comando presso la Polizia municipale del capoluogo. Ora si attende soltanto che venga formalizzata la relativa procedura da parte del Comune di Taormina, di concerto con quello di Messina, e poi Lo Presti tornerà in servizio nella Perla dello Ionio.

© Riproduzione Riservata

Commenti