parcheggio Porta Pasquale

Taormina. Si apre una contesa sulla gestione futura del parcheggio Porta Pasquale e arriva una nuova proposta che mette alle strette il Comune di Taormina. Proprio nel momento in cui il Comune ha esitato pochi giorni fa alcune determine finalizzate ad impegni di spesa per mantenere la gestione sino almeno al 31 dicembre di quest’anno, il liquidatore di Asm Taormina, Antonio Fiumefreddo, ha invece annunciato che l’azienda invierà nei prossimi giorni all’Amministrazione una formale richiesta di affidamento del Porta Pasquale. Sin qui si parla da tempo immemore di un passaggio del Porta Pasquale ad Asm ma questa soluzione non si è mai concretizzata, e tra l’altro sulla strada di questo tentativo da parte della municipalizzata c’è un ostacolo non indifferente da affrontare.

Se la Giunta darà l’ok al futuro piano di viabilità che prevede il controllo elettronico della circolazione con Ztl e telecamere, il parcheggio Porta Pasquale verrebbe poi gestito dalla ditta che si occuperebbe della gestione del piano, e che corrisponderebbe al Comune un canone di locazione. Un passaggio, questo, centrale nel piano in questione perchè al Porta Pasquale si troverebbero gli stalli per la sosta a pagamento nel centro di Taormina. A tal proposito, oltretutto, la Telereading (ditta incaricata per la proposta del project financing) si è già mossa per arrivare ad un’intesa con il Comune. Al momento il Comune incassa poco più di 400 mila euro all’anno (420 mila euro nel 2019) dal Porta Pasquale, mentre la proposta iniziale del canone di affitto era stata di circa 180 mila euro, con la ditta che si detta però disponibile a migliorare la sua proposta. Ora c’è la contromossa di Asm che, a quanto pare, non mira soltanto ad ottenere il Porta Pasquale. L’azienda municipalizzata vorrebbe entrare in campo proprio nell’iter per la proposta di “Smart Mobility Management” e “gestione smart della mobilità del Comune di Taormina”. Il tentativo sarebbe, in sostanza, quello di mettersi in corsa per ottenere la futura gestione di tutto il controllo elettronico della viabilità a Taormina e di tutto ciò che concerne le strisce blu, settore in cui Asm già opera in alcune zone della città.

Asm vuole affiancare il Porta Pasquale agli altri due posteggi già in affitto dal Comune, Lumbi e Porta Catania, ma nel frattempo è ancora “ingabbiata” e, prima di tutto, deve ancora uscire dalla liquidazione, con l’attuale società che a quanto pare verrà chiusa e liquidata e poi ne nascerà una nuova. Procedure che richiederanno tempo, alcuni mesi, e che potrebbero Asm mettere fuori gioco su scelte come il piano Ztl che vanno fatte al più presto.

© Riproduzione Riservata

Commenti