turisti all'Isolabella

Taormina. La stagione turistica quest’anno parte in netto ritardo e il Comune di Taormina ha assegnato nelle scorse ore le risorse economiche agli uffici per la collocazione dei corridoi di avvicinamento ad Isolabella. Come si ricorderà un’apposita ordinanza del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Capitaneria di Porto-Guardia Costiera (la n.116/09) regola la balneazione ha previsto, a suo tempo, che nello specchio d’acqua antistante il territorio della riserva naturale orientata Isolabella vengano individuate due zone marine denominate zona “A” e zona “B” per le quali si stabiliva il divieto assoluto di immersione subacquee, pesca, ormeggio, navigazione a vela o a motore. La stessa ordinanza prevede, però, per la zona “A” una deroga ai predetti divieti, consentendo di raggiungere la riva e prendere il largo con unità a motore a velocità minima ed in navigazione esclusivamente, appunto, all’interno di due corridoi di avvicinamento. L’ordinanza è tuttora vigente e quindi il Comune di Taormina ha l’obbligo di provvedere annualmente alla collocazione di due corridoi di avvicinamento alla baia per il periodo della stagione turistica.

“Nelle stagioni scorse – spiega il vicesindaco Enzo Scibilia – sono stati realizzati dei corridoi di avvicinamento, nella zona dell’ordinanza, provvisti di segnali galleggianti. Tuttavia diverse boe collocate nei corridoi di avvicinamento, sono danneggiate ed è necessario sostituirle con altre nuove. Bisognerà provvedere a delimitare con le boe tutta la zona A e la zona B. Dovremo provvedere con urgenza ed è stato perciò dato mandato agli uffici di provvedere a porre in essere in tempi stretti i relativi adempimenti”. Per questi interventi il Comune ha impegnato in bilancio la cifra di 6 mila euro, che serviranno per la fornitura delle attrezzature e le attività di manutenzione per la stagione estiva 2020, consentendo così di ottemperare alle disposizioni della Capitaneria di Porto di Messina. I corridoi di lancio per far avvicinare le imbarcazioni all’arenile di Isolabella dovrebbero, in sostanza, garantire la serenità dei bagnanti in un’area protetta dove spesso si è verificata la presenza di imbarcazioni che entrano nella baia a motore accesso e rappresentano un pericolo per chi si trova in spiaggia e decidere di fare un bagno nell’acqua di questo incantevole luogo.

© Riproduzione Riservata

Commenti