la protesta del popolo della notte

“Il governo dei monopattini ripete che il Paese deve ripartire ma nel frattempo decreta il fallimento di intere categorie produttive del Paese. Per questo, con Forza Italia siamo scesi in piazza per far sentire il nostro sostegno e la vicinanza agli operatori dell’intrattenimento notturno ai quali le sinistre hanno negato un aiuto e ai quali è stata negata sinora una riapertura in sicurezza”. Lo afferma in una nota la parlamentare siciliana di Forza Italia, Urania Papatheu.

Placet tardivo. “L’ok alla riapertura delle discoteche, tardivo e pieno di restrizioni, dal 15 giugno e solo all’aperto, con obblighi di distanza e mascherine è un affronto al buon senso e non lascia margini concreti per porre rimedio a perdite già ingenti. Così si manca di rispetto a un settore che garantisce allo Stato un gettito fiscale di 800 milioni e nel quale lavorano 400 mila persone”.

Forza Italia in piazza

“Figli di un Dio minore”. “Discoteche e locali pubblici sono il cuore pulsante delle notte di 19 milioni di persone di italiani, sono l’anima dell’offerta turistica ma per le sinistre sono soltanto “figli di un Dio minore”, altra carne da macello in un’Italia dove la disoccupazione si avvia ad arrivare oltre l’11% da qui al 2021″.

Ostilità sociale. “E’ l’ennesimo scempio sociale di un governo pavido, che si nasconde dietro le fantomatiche linee guida del Cts e si conferma nemico giurato di imprenditori e piccole imprese. M5s, Pd e Iv stanno gestendo in modo indegno un’emergenza ormai diventata drammatica per milioni di italiani. E’ un manifesto di dilettantismo politico e ostilità sociale per chi vive del proprio lavoro, è l’ennesimo schiaffo agli italiani di chi dovrebbe salvare imprese e tutelare l’occupazione e invece investe su altri fallimenti e nuovo precariato”.

© Riproduzione Riservata

Commenti