l'ex assessore Gaetano Carella

Taormina. Scattano i lavori di ristrutturazione dell’ex scuola elementare “Vittorino da Feltre”, chiusa ormai dal 2004 per inagibilità e sulla vicenda arrivano bordate all’indirizzo dell’attuale Amministrazione dall’ex Esecutivo che faceva parte nella precedente consiliatura all’allora sindaco Eligio Giardina.

Amministrare è continuità. “Non vogliamo fare nessuna polemica – afferma l’ex assessore ai Lavori pubblici, Gaetano Carella – ma per un fatto di giustezza e di verità, indubbiamente, lascia perplessi notare che l’assessore Scibilia si prenda dei meriti, che per correttezza, vanno dati a chi ha recuperato e ottenuto quel finanziamento regionale. Le amministrazioni comunali sono tutte continuità di chi c’era prima, e il sottoscritto aveva portato avanti l’impegno dell’ex assessore Marcello Muscolino. Io non ho mai criticato gli altri e mai lo farò, invece, quando ricoprivo la carica di assessore sono stato criticato ferocemente, a più riprese ed in primis da Scibilia, sul piano personale oltre che politico”.

Protagonismi inopportuni. “Va ricordato che a Palermo, a sbloccare e risolvere quell’iter per la scuola siamo andati noi, con l’allora vicesindaco Raneri, e c’era anche l’allora consigliere di opposizione Nunzio Corvaia, ed inoltre il dirigente dell’Utc, Massimo Puglisi, e il geom. Claudio Raneri. Oggi si annuncia in “pompa magna” l’avvio dei lavori cancellando il passato ed è il tempo delle foto ricordo che celebrano la consegna delle opere. Non vi è dubbio che sia un momento importante l’avvio di questi interventi che consentiranno alla città di ristrutturarla e recuperare la scuola elementare. Ma certi protagonismi sono inopportuni. Ad ogni modo il tempo è sempre galantuomo”.

© Riproduzione Riservata

Commenti