“Liberi tutti”, il ritorno alla vita inizia a diventare realtà. In attesa della riapertura delle frontiere che inizia a materializzarsi a macchia di leopardo, da oggi 3 giugno in Italia cadono le barriere regionali e torna la possibilità di spostarsi tra le regioni. Così finisce il rito dell’autocertificazione. Il tramonto del lockdown ci lascia in eredità una nuova realtà con la quale dovremo convivere almeno per qualche tempo: il tracciamento dei turisti, i controlli con termo-scanner, le prenotazioni e i questionari, e altre diavolerie  che sembrano parte di un film di fantascienza. Restano soprattutto il paradosso del distanziamento sociale, i divieti di assembramenti e la disposizione di indossare la mascherina in alcuni luoghi al chiuso e sui mezzi di trasporto.

L’alba di una nuova era. Oltre i lacci stringenti della solita burocrazia, è un lento ma inesorabile ritorno alla normalità quello di un Paese che desidera riprendersi la serenità perduta, prova a scrollarsi di dosso l’incubo del virus e il tarlo asfissiante della crisi, a mettersi alle spalle uno spavento epocale. La lotta al “bastardo” non è finita, l’incertezza è tra noi e la spensieratezza per ora è un sogno proibito, i problemi da affrontare sono ovunque evidenti e ancora irrisolti. Nonostante tutto, in questo enigmatico “dopo guerra” del Terzo Millennio la persone hanno una gran voglia di celebrare le seconde nozze con la vita, il rito collettivo del tornare a respirare il profumo della libertà. E’ l’alba di una nuova era, da affrontare nella consapevolezza che molte cose non saranno come prima, è una strada da imboccare con la speranza e la convinzione di potercela fare a resistere all’onda d’urto della crisi, a maggior ragione lì dove l’arte del soffrire è da sempre nel dna della comunità e un ulteriore esercizio di bravura la gente del Sud lo ha mostrato nei due mesi del tutti chiusi in casa.

Il nostro omaggio. E allora, noi che ogni giorno portiamo le notizie di Taormina in Italia e nel mondo, vogliamo, idealmente, salutare insieme ai nostri lettori questa data simbolica con un omaggio alla nostra terra. Lo facciamo con un video realizzato dal videomaker Antonio Bonanno, in collaborazione con BlogTaormina. Uno splendido filmato con i più affascinanti scorci di Taormina ma anche della vicina Castelmola, uno dei borghi più belli d’Italia. E’ la cartolina di un lembo di paradiso, paradigma di un racconto senza tempo che ha fatto innamorare milioni di persone nel mondo e merita di essere ammirato soprattutto in questa estate in cui la parola d’ordine per gli italiani sarà viaggiare in Italia.

La scelta giusta. Per questo, invitiamo tutti a scegliere quest’estate per le proprie vacanze la Sicilia, la regione italiana che in questi mesi ha sconfitto prima di tutti il Covid ed è pronta a ripartire. Chi ama l’Italia e il Sud ha un appuntamento con Taormina, ma anche Castelmola, Giardini Naxos e Letojanni e l’intero comprensorio ionico e la Valle dell’Alcantara. Non è uno spot, perché Taormina e l’hinterland del primo polo turistico siciliano non hanno bisogno di farsi conoscere: è semplicemente la scelta giusta da fare e la meta obbligata da raggiungere per chi vorrà tornare ad emozionarsi. Ognuno nelle prossime settimane, in Italia come all’estero, promuoverà in qualsiasi modo, come è doveroso che sia, la sua località, ma da sempre e per sempre il fascino di un’avventura è nel senso di unicità di una destinazione e nella capacità che essa avrà di lasciarti qualcosa di importante da custodire negli occhi e nel cuore.

Incontro con la bellezza. Oltre i ricorrenti luoghi comuni del turismo esperienziale, “Visit Taormina” (e l’hinterland) significa optare per l’incontro autentico con la bellezza che attende chi avrà voglia di scoprire la storia e toccare l’anima della natura. A farvi compagnia e sedurvi troverete i capolavori immortali dell’antichità ed il volto superbo dei paesaggi, ad accompagnarvi sarà la gente che qui, da sempre, ha una dedizione speciale per l’accoglienza, tessuta nella pelle e nel cuore di intere generazioni. Le tradizioni, i colori e l’eccellenza dei sapori faranno tutto il resto.

Non servono altre parole, né ulteriori commenti. Bastano da sole le immagini, poesia silenziosa e poderosa di un eterno incanto senza eguali.

Infine, solo pensiero: non arrendetevi alla crisi, siate più forti della paura e non mollate mai. La nottata passerà anche stavolta. Auguri a tutti. 

© Riproduzione Riservata

Commenti