l'avvocato Filippo Patanè

Taormina. L’assemblea del Circolo del Partito Democratico di Taormina ha rinnovato le cariche della sezione cittadina eleggendo l’avvocato Filippo Patanè nuovo coordinatore. Membri del direttivo saranno Claudio Ambrogetti, Lucia Lo Giudice, Jacopo Sciglio, Carmelo Valentino, Rosario Calabrese, Paola Costa, Carmela Rossello. Componenti di diritto: il sindaco Mario Bolognari, Graziella Longo, Sergio Cavallaro e Piero Benigni.

Assemblea virtuale. “Voglio ringraziare il Segretario regionale Anthony Barbagallo per essere intervenuto nella nostra assemblea virtuale. Le sue parole per l’unità del partito, la condivisione e l’ascolto dei territori sono state molto apprezzate. Ci siamo dovuti misurare con una modalità nuova, un po’ impersonale, ma opportuna per il rispetto delle regole sul distanziamento sociale. Quello della digitalizzazione e della cultura informatica è un fronte che la crisi sanitaria del Covid-19 ha aperto in modo evidente”

No alle divisioni. “Dobbiamo occuparci della ripresa economica della nostra città, senza divisioni. L’iniziativa per l’istituzione di un Tavolo di concertazione, che coinvolge i rappresentanti dell’economia e delle istituzioni cittadine, coglie la necessità di costruire un percorso di rilancio condiviso. Va tenuta alta l’attenzione affinché la crisi di liquidità non diventi una leva favorevole al circuito dell’usura o per l’afflusso di capitali poco puliti: queste sono problematiche di strettissima attualità sollevate a livello nazionale dal Ministro degli interni, Lamorgese”.

Aiutare tutti. “Anche Taormina rischia di ripartire a due velocità: la relazione in consiglio Comunale del Sindaco Bolognari ha evidenziato l’esistenza di un disagio latente, manifestato dalla richiesta dei buoni spesa da parte di quasi cinquecento famiglie. La crisi sanitaria può amplificare ancor di più il divario economico trai lavoratori, soprattutto quelli del comparto turistico, per i quali andranno certamente riviste le forme di sussidio. Nessuno dovrà rimanere indietro”.

L’opportunità. “Il Covid-19 è un’opportunità per rivedere il nostro rapporto con l’economia globale e le relazioni interpersonali. La nostra è da sempre una città aperta, tollerante e multiculturale. Sono presenti comunità molto operose e perfettamente integrate, molti extracomunitari sono diventati cittadini noti e stimati. Di fronte al rischio che la paura ci chiuda nell’individualismo ed ancor di più in forme latenti di razzismo, non c’è altra alternativa ad una Taormina solidale, cosmopolita ed europea”

L’impegno. “La famiglia del centrosinistra taorminese è numerosa, coinvolgeremo tutti i nostri militanti. Il circolo si impegnerà sui temi che sono propri del Partito Democratico: legalità, difesa dei diritti dei più deboli, sviluppo sostenibile, tutela dell’ambiente. L’elezione unitaria del Segretario provinciale, Nino Bartolotta e di quello regionale Barbagallo, è segnale della scelta di investire sulla buona politica e superare ogni divisione. Voglio ringraziare tutti i componenti del circolo per le belle parole spese. Ringrazio in particolare i componenti del nuovo direttivo che non faranno mancare il loro impegno e contributo di idee.”

© Riproduzione Riservata

Commenti