Taormina. Il Comitato Amici delle Contrade torna a sollecitare una maggiore attenzione per la popolosa zona di Mastrissa, dove da tanti anni i residenti auspicano un piano di interventi finalizzato a porre rimedio a molteplici problematiche rimaste irrisolte. Si tratta di un’area dove risiedono circa 500 famiglie, 2 mila residenti (in un territorio che ricade in parte anche nel Comune di Castelmola). Ancora una volta i cittadini delle contrade chiedono pari dignità e di non essere trattati come cittadini di “serie B”.

Ecco la nota che riceviamo e pubblichiamo dal Comitato Amici delle Contrade.

“Il Comitato vuole raccontarvi un episodio increscioso che è accaduto. Il 4 maggio mandiamo un messaggio audio all’amministrazione di Taormina per chiedere quando verrà decespugliata la strada,ci viene detto che stanno pulendo il cimitero,appena finiscono ci avrebbero aggiornato. Il 16 maggio rimandiamo altri messaggi audio e ci viene risposto che si provvederà nei successivi giorni alla pulizia,inoltre ricordiamo e ribadiamo che per noi volontari quest’anno non sarà possibile provvedere alla pulizia essenzialmente per l’emergenza Covid sia perché comunque è un dovere del Comune farlo. Ci sono pervenute risposte rassicuranti che avrebbero provveduto,ma nessuno ha fatto nulla. Il 26 Maggio a un messaggio se la pulizia di Mastrissa sarebbe stata quella settimana ci viene risposto un chiaro “No”. Ovviamente quanto detto è documentabile”.

“Oggi (30 maggio) chiamiamo per sapere se e quando verrà decespugliata la strada e ci viene detto che i mezzi per la pulizia sono guasti e che comunque la ditta il 16 giugno non è detto che verrà riconfermata e quindi fino al 16 giugno nessuno pulirà la strada. Si fa riferimento a delle scuse, perché signori sono solo scuse riconducibili a Covid e affini. Allora se l’Amministrazione di Taormina crede che i cittadini di Mastrissa possano essere presi in giro si sbagliano. E sulla spazzatura nessuna comunicazione ufficiale, solo molta confusione approssimazione e silenzio. Il comitato sta informando i cittadini su come si dovranno comportare,raggiungendo telefonicamente i responsabili del settore e chiedendo delucidazioni in merito. Sulla pulizia della medesima contrada solo scuse, ritardi, rimpalli di responsabilità e nient’altro. Non funziona così”.

“I cittadini sono tutti uguali,e se vi sembra che Mastrissa non valga la pena di avere comunicazioni e diritti pari al centro o ad altre frazioni sappiate che in teoria rappresentate tutti i cittadini,non una parte o una zona. Questi due problemi di Mastrissa riguardano tutta Taormina, perché la percentuale della differenziata incide su tutto il territorio di Taormina e se i cittadini non vengono messi nelle condizioni di farla adeguatamente non è certo colpa loro ma vostra,perché nessuno si degna di fare comunicazioni, ma il tempo per fare polemica sulle possibili ingerenze di altri sindaci lo trovate. Per la pulizia della strade il Comune pretende giustamente che i cittadini puliscono i propri terreni per evitare il diffondersi degli incendi e quest’anno per Taormina il termine limite è il primo Giugno, ma il Comune evita di ottemperare ai propri doveri, rimandando e esibendo scuse ridicole e mettendo in serio pericolo la viabilità della cittadinanza. Questo non è amministrare, questo è curare una parte di territorio. Il Comitato non sta zitto di fronte a questa superficialità amministrativa imbarazzante. Ci auguriamo che tutta l’Amministrazione ponga rimedio a tali inadempienze e mancanze nel più breve tempo possibile”.

© Riproduzione Riservata

Commenti